Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La Commissione tecnica CT 258 “Canne fumarie” del CTI sta portando avanti i lavori di un nuovo progetto di norma dal titolo “Impianti alimentati a combustibile liquido o solido in esercizio: linee guida per la verifica dell’idoneità al funzionamento in sicurezza”. Il progetto, che nasce da una proposta della stessa CT 258 ma coinvolge anche altre commissioni, ha lo scopo di definire criteri e procedure per eseguire la verifica degli impianti di riscaldamento, produzione acqua calda e cottura cibi, in esercizio, con l’obiettivo di accertarne l’idoneità al funzionamento in sicurezza sulla base dello stato di fatto.

Questo nuovo lavoro si pone l’obiettivo di estendere agli impianti a combustibile liquido o solido i contenuti e criteri definiti, per il settore del gas, dalla UNI 10738:2012 “Impianti alimentati a gas, per uso domestico, in esercizio - Linee guida per la verifica dell’idoneità al funzionamento in sicurezza”, tenendo conto delle differenze e delle specificità legate agli impianti alimentati a combustibile liquido o solido.
Come già la UNI 10738, il lavoro ha l’obiettivo di coprire tutte le parti di impianto che concorrono alla sicurezza, e pertanto conterrà una sezione generale e quattro sezioni dedicate alle parti specifiche dell’impianto:

  • linee di adduzione del combustibile liquido da serbatoio a bruciatore;
  • locali adibiti allo stoccaggio del combustibile solido;
  • apparecchi di utilizzazione e locali d’installazione;
  • sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione.

Lo sviluppo delle prime tre parti sarà condotto in collaborazione con le competenti commissioni CT 257 “Stufe, caminetti e barbecue” e CT 253 “Componenti degli impianti di riscaldamento - Produzione del calore, generatori a combustibili liquidi, gassosi e solidi” e dovrà essere coordinato con i lavori attualmente in corso per la revisione della UNI 10683.

L’approccio adottato nella bozza, al pari di quello della UNI 10738, prevede che la verifica, i cui risultati sono da riportare su un rapporto tecnico, possa determinare tre possibili esiti:

  • “impianto idoneo al funzionamento” = assenza di anomalie. Quest’esito consente l’utilizzo dell’impianto senza la necessità di alcun intervento;
  • “impianto idoneo al funzionamento temporaneo” = presenza di anomalie che non costituiscono pericolo immediato: l’utilizzo dell’impianto è ammesso per un periodo di tempo stabilito dall’operatore che esegue la verifica, ma comunque entro un limite massimo (che dovrebbe essere fissato in 30 giorni) entro il quale l’impianto deve essere adeguato o in alternativa essere messo fuori servizio;
  • “impianto non idoneo al funzionamento” = presenza di anomalie che possono costituire pericolo immediato.

L’impianto deve essere immediatamente messo fuori servizio fino ad avvenuto adeguamento. Rispetto agli impianti alimentati a gas, per i quali la messa fuori servizio può essere assicurata mediante chiusura e sigillatura dell’adduzione gas, lo stesso non è fattibile con gli impianti a biomassa a carica manuale, pertanto l’eventuale messa fuori servizio deve essere accompagnata da un idoneo cartello di avviso che informi del pericolo e diffidi chiunque dall’utilizzare l’impianto. Il rapporto tecnico di verifica dovrà evidenziare l’esito (positivo o negativo) di ciascun controllo, fornire indicazioni dettagliate sui controlli eseguiti e formulare il giudizio conclusivo sullo stato di sicurezza dell’impianto in oggetto. La norma fornisce, per ciascuno dei punti di verifica, i criteri per individuare le anomalie che determinano l’idoneità al funzionamento temporaneo e quelle che determinano invece la non idoneità al funzionamento. È delegata all’operatore incaricato del controllo la decisione sull’esito finale complessivo per tutti i casi in cui al termine della verifica siano state riscontrate diverse anomalie di diverso livello.

La norma consentirà agli operatori di fumisteria di avere un riferimento, attualmente mancante, per la valutazione dello stato degli impianti esistenti ai fini della loro esercibilità in sicurezza. Dato il parco impianti attualmente presente in Italia, spesso anche molto datati, saranno stabilite una base di regole per l’esecuzione di verifiche più oggettive e ripetibili, rispettose delle norme di prodotto e di installazione, anche tenendo conto della situazione normativa esistente ai tempi dell’installazione.

Giuseppe Pinna
CTI - Comitato Termotecnico Italiano
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Articolo pubblicato sulla rivista mensile "Energia e Dintorni. Il CTI informa" di gennaio 2018.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.