Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Ascensore UNISi è riunito recentemente a Milano presso UNI il gruppo di lavoro CEN “Lifts and service lifts” del TC 10 “Lifts, escalators and moving walks”, il comitato che a livello europeo mette a punto le norme nel settore degli ascensori definendone i requisiti tecnici per l’installazione al fine di garantire la sicurezza sia delle persone che li utilizzano sia di chi si occupa della loro riparazione e manutenzione.

Ma non solo: le norme tecniche si occupano anche di stabilire i requisiti di sicurezza relativi alle modifiche da apportare agli impianti già installati per adeguarli allo “stato dell'arte”, un tema, questo, che vede fortemente coinvolta l’Italia che risulta essere il secondo paese al mondo, dopo la Cina, per numero di impianti installati (circa un milione) dei quali circa il 40% in funzione da più di 30 anni.

Infine le norme tecniche -più di recente- si sono occupate anche del calcolo e della verifica del consumo di energia degli ascensori, in un’ottica di “sostenibilità delle costruzioni” per raggiungere l’obiettivo di edifici a bassissimo consumo energetico ovvero “edifici a Energia quasi Zero”.

Le norme di riferimento nel settore degli ascensori sono molte ma la principale è senz’altro la UNI EN 81 dal titolo generale “Regole di sicurezza per la costruzione e l'installazione di ascensori” suddivisa in numerose parti relative ad aspetti specifici, le più importanti delle quali (EN 81 Parte 1 e Parte 2) sono state aggiornate nel 2014 dando vita alle nuove EN 81 Parte 20 (Ascensori per persone e cose accompagnate da persone) ed EN 81 Parte 50 (Regole di progettazione, calcoli, verifiche e prove dei componenti degli ascensori).

intervista gharibaanDopo un periodo di transizione durato tre anni (dalle nuove alle vecchie versioni) e terminato nell’agosto 2017, le nuove norme europee sono entrate in vigore a tutti gli effetti…. Ma come sono state accolte dal mercato? Lo abbiamo chiesto direttamente al presidente del comitato europeo, Esfandiar Gharibaan approfittando della sua presenza ai tavoli di lavoro che si sono svolti a Milano.

Queste due norme sono state ormai adottate in tutti i 34 paesi membri del CEN – spiega Gharibaan – e posso dire che c’è stato un grande sforzo sia da parte delle industrie, sia dei produttori che di tutti gli stakeholder per adattare i propri prodotti e processi ai nuovi requisiti richiesti. Sono contento di poter affermare che sin dalla fine del periodo transitorio tutti gli ascensori immessi sul mercato sono conformi alle due nuove norme europee!”.

Scopo del gruppo di lavoro che si è riunito in questi giorni in UNI (il WG 1 “Lifts and service lifts” ndr) – ha concluso Gharibaan – è proprio quello di mantenere aggiornate e sempre efficienti le norme sugli ascensori anche in base ai commenti e ai suggerimenti che riceviamo dal mercato e che vengono analizzati e discussi per poterne tener conto nelle prossime versioni”.

L’intervista completa al presidente del CEN/TC 10, Esfandiar Gharibaan, è disponibile sul canale UNI di Youtube.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.