Infrastruttura ferroviaria e rotabili di nuova costruzione - UNI - ENTE ITALIANO DI NORMAZIONE
Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La Commissione Trasporto guidato su ferro invia all’inchiesta preliminare due progetti di norma: dal 30 maggio al 12 giugno sarà possibile visualizzare le schede dei progetti e inoltrare i propri commenti utilizzando l'apposito form a disposizione sul sito internet, alle pagine web dell’inchiesta pubblica preliminare.

Ai fini dell’armonizzazione normativa dei processi autorizzativi per l’immissione in servizio dei rotabili delle metropolitane e delle tranvie, la SC 04 “Materiale rotabile per trasporti urbani e suburbani (tranvie, metropolitane, ferrovie leggere)” propone il progetto UNI1604647 “Metropolitane e tranvie - Documentazione di progetto e prove di rotabili di nuova costruzione o modificati - Normativa di riferimento”.
La futura norma ha lo scopo di individuare i riferimenti normativi che devono essere considerati per la documentazione tecnica di progetto e per le prove di maggiore rilevanza agli effetti della sicurezza, ai fini dell’immissione in servizio dei veicoli destinati a circolare in normale esercizio sui sistemi di trasporto metropolitana, metropolitana leggera (compresi i people mover equiparati a metropolitane o metropolitane leggere), tranvia veloce (o metrotranvia) e tranvia, come definiti dalla UNI 8379.

Interessa invece l’organo tecnico SC 02/GL 02 “Prove in Linea dei Veicoli Ferroviari” il progetto UNI1604648 “Modalità per la gestione ed effettuazione delle prove dei veicoli sull’infrastruttura ferroviaria”. Esso definisce i principi e le modalità per la gestione in sicurezza delle prove sull’infrastruttura ferroviaria di veicoli che dispongono di un’autorizzazione provvisoria di messa in servizio per prove, rilasciata dall'autorità nazionale per la sicurezza ferroviaria, nonché per l'identificazione dei regimi di circolazione. Si applica anche al caso di veicoli già autorizzati all'esercizio che necessitano di essere sottoposti a prove sull'infrastruttura ferroviaria.
Ad oggi, le regole applicative adottate per l'effettuazione delle prove in linea di veicoli ferroviari ai fini della verifica delle condizioni di autorizzazione alla messa in servizio sulla rete ferroviaria italiana sono definite ogni volta per ogni singolo processo senza che vi sia un riferimento comune per l'uniforme applicazione dei principi generali stabiliti nelle Linee Guida emesse da ANSF.
I benefici attesi sono quelli di una semplificazione della modalità per la gestione ed effettuazione delle prove al fine di ridurre i tempi di approvazione, garantendo la loro esecuzione attraverso un utilizzo ottimizzato e in sicurezza dell’infrastruttura ferroviaria.
Non esistono al momento norme nazionali né sono allo studio norme internazionali sull’argomento: sussiste pertanto la necessità di stabilire regole e condizioni condivise fra i diversi soggetti coinvolti nella gestione ed effettuazione delle prove sull'infrastruttura ferroviaria.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.