Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

salvataggio in mareSalendo a bordo di una nave, raramente pensiamo in prima battuta alle scialuppe di salvataggio. Se ci pensiamo, ci auguriamo di non doverle usare mai. È però essenziale che siano operative, per consentire in caso di necessità l’evacuazione e il trasbordo dei passeggeri verso la costa.

Un’ancora galleggiante rappresenta un dispositivo importante per una imbarcazione di soccorso perché la stabilizza e riduce la sua velocità limitando il rischio di deriva sotto l’azione del vento o della corrente. Le linee guida internazionali relative alle prestazioni e alla sicurezza delle ancore in oggetto sono state recentemente aggiornate e allineate all’International Life-Saving Appliance Code dell’Organizzazione Marittima Internazionale. Sono racchiuse nella ISO 17339:2018 “Ships and marine technology - Life saving and fire protection - Sea anchors for survival craft and rescue boats”, elaborata dalla SC 1 “Maritime safety” dell’ISO/TC 8 "Ships and marine technology".

Secondo Robin Townsend, presidente dell’organo tecnico che ha elaborato la norma, la ISO 17339 specifica i requisiti che le ancore devono possedere in termini di trascinamento e di resistenza agli agenti atmosferici. “Scopo della norma - spiega Townsend - è quello di fornire ai fabbricanti le informazioni necessarie per garantire che questi dispositivi non solo funzionino in modo efficace al bisogno, ma che resistano anche alle condizioni di stoccaggio. Il documento include anche i metodi di prova per valutare resistenza, traino e corrosione”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.