Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

business buildingsL'adattamento ai cambiamenti climatici e la costruzione di un mondo più equo e sostenibile richiederanno investimenti significativi, nell'ordine di 90 000 miliardi di USD entro il 20301) per le sole infrastrutture.
Molti investimenti sono già oggi impegnati in progetti ecologici e soluzioni “sostenibili”, ma ne sono necessari molti altri: passare a un mondo sostenibile richiede denaro, molto denaro (trilioni, non miliardi, secondo la Banca Mondiale).

 Costruire la fiducia, promuovere la crescita del mercato della finanza sostenibile, incoraggiare nuove azioni e iniziative, richiede un quadro armonizzato che definisca cos’è realmente la finanza sostenibile e le modalità per metterla in atto.

 Il comitato tecnico ISO/TC 322 “Sustainable finance” - recentemente costituito - mira a promuovere un mercato degli investimenti sostenibile attraverso lo sviluppo di nuovi standard internazionali. Il primo progetto per il comitato sarà quello di sviluppare un quadro per la finanza sostenibile, che consolidi i concetti esistenti e concordi una terminologia comune.

 Il segretario del TC, Mike Henigan, ci ricorda che esistevano già norme per la governance, lo sviluppo sostenibile, i green bonds, ma nulla relativamente alla finanza sostenibile in una prospettiva d’insieme.
“Il nostro obiettivo è quello di integrare la finanza sostenibile, renderla più accessibile e più efficace per l’industria e gli investitori di tutto il mondo, consentendo in questo modo l’allineamento del sistema finanziario mondiale agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Si tratterà di riunire le competenze sugli standard esistenti, armonizzare e chiarire cosa sia realmente la finanza sostenibile, fornire una terminologia comune e stabilire le migliori pratiche e le linee guida internazionali per la messa in atto dei processi”.
Per concludere, Henigan sottolinea che “questo quadro iniziale fornirà una piattaforma a partire dalla quale le organizzazioni coinvolte in investimenti sostenibili potranno sviluppare i loro prodotti e consentire a un numero sempre maggiore di attori l’entrata sul mercato”.

 Il lavoro futuro del comitato si concentrerà sull’integrazione della sostenibilità nelle decisioni, servizi e prodotti finanziari, nelle scelte di investimento che generano sia risultati sociali positivi che rendimenti finanziari, nella finanza verde che combina la ‘finanza del clima’ a supporto di concetti come l’energia pulita, l’ambiente e la sua conservazione così come negli investimenti intorno a progetti specifici come programmi di efficienza energetica e città sostenibili.

 La segreteria dell’ISO/TC 322 “Sustainable finance” è gestita dal BSI, membro ISO per il Regno Unito.

 


1) The Sustainable Infrastructure Imperative, The New Climate Economy Report, World Bank 2016.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.