Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Ogni anno una dozzina di organizzazioni si riuniscono per concentrare i loro sforzi e collaborare a livello internazionale allo sviluppo di norme tecniche nel campo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Nel corso dell’incontro di quest’anno - il GSC-22 - svoltosi a Montreux (Svizzera), le discussioni tra gli esperti hanno toccato diversi temi, ma i protagonisti sono stati il potenziale dell’Intelligenza Artificiale e le città intelligenti e sostenibili.

GSC22

Ospitata dai differenti membri ogni anno, la riunione del GSC (Global Standards Collaboration) è stata organizzata congiuntamente da ISO e IEC.
GSC-22 ha riunito partecipanti provenienti da tutto il mondo, in particolare in rappresentanza di Paesi in cui le tecnologie ICT sono destinate a svolgere un ruolo sempre più importante sul piano economico.

La prima giornata ha visto presentazioni innovative e vivaci tavole totonde sul tema delle smart cities e della loro sostenibilità. I partecipanti al GSC hanno discusso e condiviso opinioni sugli standard più rilevanti in grado di aiutare le città a far fronte a sfide importanti. Riconoscendo la velocità dell’evoluzione tecnologica combinata a una rapida crescita della popolazione, hanno incoraggiato il proseguimento del dibattito per lo sviluppo di linee guida e norme che consentano lo scambio dei dati e l’interoperabilità.

ISOIEC GSC22

La seconda giornata si è concentrata sul rapido sviluppo dell’IA, destinata a influenzare tutti i campi, dai metodi di produzione e distribuzione dei prodotti, all’assistenza sanitaria, alla telefonia intelligente.

Uno dei vantaggi intrinseci di GSC è la sua diversità globale: i partecipanti hanno portato una vasta gamma di prospettive per rispondere in modo adeguato alle esigenze dei Paesi nei differenti stadi di sviluppo.

GSC22 fraseLe sessioni sull’Intelligenza Artificiale sono state coordinate da Wael William Diab, specialista in tecnologie e strategie d’impresa della Silicon Valley californiana e presidente del gruppo dedicato all’IA nell’ambito dell’ISO/IEC JTC 1/SC 42 sulle tecnologie dell’informazione. Le discussioni tra gli attori del settore e le organizzazioni di normazione hanno portato alla luce le enormi opportunità legate all’IA, tenendo in considerazione le potenziali problematiche legate alla sicurezza, al rispetto della privacy, all’affidabilità, alle questioni etiche, alle problematiche sociali e alla legislazione.

L'evento ha mostrato che l’ICT è una priorità per ISO e IEC e la necessità di fare chiarezza attraverso gli standard internazionali non è mai stata così sentita. L’enorme portata di lavoro che le due Organizzazioni stanno portando avanti può sembrare smisurata anche agli specialisti del settore.
La brochure “IEC, ISO and information communication technology” prova a fare chiarezza…
>> scarica la brochure

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.