Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

unipdr60 coverIncrementare i livelli di professionalità degli operatori del settore delle sostanze chimiche, individuandone le attività, i compiti e le relative conoscenze, abilità e competenze: è quanto si prefigge la nuova Prassi di Riferimento UNI/PdR 60:2019, pubblicata oggi in collaborazione con l’Associazione EPTAS (Esperti Prevenzione Tutela Ambiente Salute).

L’esperto del ciclo di vita delle sostanze, nelle sue due declinazioni RSDS (Responsabile Schede di Dati di Sicurezza) ed ESR (Esperto Sistema Rifiuti), si occupa di seguire le sostanze, in quanto tali o contenute in miscele, dalla loro immissione sul mercato fino al loro smaltimento come rifiuto nelle possibili matrici ambientali.

Il profilo RSDS opera con competenze specifiche relativamente alla caratterizzazione dei pericoli/rischi di sostanze e miscele affinché un’organizzazione possa adempiere agli obblighi legislativi garantendo la salvaguardia della salute dei lavoratori e dell’ambiente come pure dei consumatori finali in qualità di utilizzatori di sostanze e miscele.
Fin dal 1991, infatti, la legislazione comunitaria impone che la SDS sia redatta, verificata e approvata soltanto da persone competenti che abbiano ricevuto una formazione adeguata, e aggiornata periodicamente a seconda delle modifiche legislative apportate alle norme di riferimento.

Anche il quadro normativo e tecnico di riferimento del mondo dei rifiuti speciali è sicuramente molto vasto e complesso: spesso richiede diverse conoscenze multidisciplinari, ed è contraddistinto dal rischio di pesanti ripercussioni di carattere sia amministrativo che penale in caso di gestione non conforme alle disposizioni normative in materia.

In quest’ottica il profilo ESR opera con competenze professionali all’avanguardia nei diversi ambiti della gestione rifiuti (raccolta, trasporto, stoccaggio, smaltimento, recupero, ecc.), affinché l’organizzazione possa adempiere agli obblighi ambientali in modo regolare e soprattutto sicuro dal punto di vista legislativo.

I due profili professionali coprono quindi, rispettivamente, funzioni di:

  • raccolta e analisi dei dati aziendali necessari per l’elaborazione di SDS di sostanze e miscele immesse sul mercato dell’Unione Europea;
  • descrizione dell’intero processo di gestione dei rifiuti, al fine di ottimizzarlo principalmente dal punto di vista dell’impatto ambientale ma anche, dove possibile, dal punto di vista economico.

La prassi descrive inoltre gli elementi sulla base dei quali certificare queste due figure professionali, specificando nel dettaglio le modalità con cui vanno svolte le prove (orali e scritte), la composizione della Commissione d’esame e i prerequisiti di accesso per i differenti profili.

Oltre agli esperti di EPTAS, alla stesura della prassi di riferimento hanno partecipato – tra gli altri - anche esperti dell’Istituto Superiore di Sanità, di Intertek Italia e di Accredia.

eptas logo oblCome spiega Alessandro Ricci, Presidente EPTAS, “la UNI/PdR 60:2019 propone due profili professionali con caratteristiche e competenze negli specifici settori in grado di fornire assistenza e consulenza in tutte le varie fasi delle rispettive gestioni di natura tecnica e amministrativa delle sostanze chimiche e dei rifiuti, sia alle piccole aziende sia alle realtà industriali più grandi e strutturate, e in grado di coordinare le varie attività delle figure già previste dalla normativa vigente senza entrare in conflitto con esse (RSPP, HSE manager…)”.
“In special modo” – prosegue Ricci – “i produttori di rifiuti, sia primari che secondari, che si trovano a doversi districare in un groviglio di leggi, norme tecniche e amministrative, molto spesso sono assolutamente privi di conoscenze specifiche, con tutte le conseguenze del caso in caso di gestione non conforme alle vigenti normative”.

“In modo analogo, questo nuovo profilo professionale soddisfa l'esigenza di avere uno specifica figura interna o esterna all’impresa per adempiere agli obblighi derivanti dall’applicazione dell’art. 31 del Reg. REACH, e dimostrare la diligenza dell'impresa nel comunicare le informazioni sui chemicals a monte e a valle, anche a fronte dell'attività ispettiva sui regolamenti REACH & CLP ad opera degli organi di vigilanza nazionali che mirano al controllo delle SDS di sostanze e miscele circolanti nel mercato UE”.
“Da qui” – conclude il Presidente EPTAS – “l’utilità della figura del Responsabile Schede Dati di Sicurezza (RSDS) e dell’Esperto Sistema Rifiuti (ESR) che con competenze e formazioni specifiche possono fornire ai soggetti interessati una idonea assistenza e consulenza in materia.”

“E’ uno strumento fondamentale per chi opera in questo settore!” afferma il Presidente UNI Piero Torretta. “Questo documento – che definisce le conoscenze, le abilità e le competenze di due figure professionali strategiche - permetterà alle imprese di portare al proprio interno strumenti, metodologie e competenze certificate e fornirà all’utenza un riferimento ai fini dell’attestazione della formazione dei due professionisti, comprese le indicazioni inerenti gli aspetti etici e deontologici applicabili”.

La UNI/PdR 60:2019 “Esperto del ciclo di vita delle sostanze – Attività e requisiti dei profili professionali di Responsabile Schede Dati di Sicurezza (RSDS) e di esperto del Sistema Rifiuti (ESR)” è liberamente scaricabile dal nostro sito internet, accedendo alla sezione “Catalogo”.

Per informazioni:
Area Comunicazione UNI
Luisella Pozzani
Tel. 02 70024471
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.