Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE.

La Commissione "Sicurezza della società e del cittadino" propone 5 progetti di norma (adozioni di norme internazionali) che entreranno il 14 agosto nella fase dell’inchiesta pubblica preliminare.

Il progetto UNI1606303 “Sicurezza e resilienza - Resilienza delle comunità - Linee guida per pianificare il coinvolgimento di volontari non organizzati” (adozione ISO 22319:2017) fornisce le linee guida per pianificare il coinvolgimento di volontari non organizzati nella risposta e recupero in seguito a incidenti. E’ destinata ad aiutare le organizzazioni a stabilire un piano che consideri se, come e quando i volontari non organizzati possano fornire un supporto alla risposta e al recupero per tutti i pericoli identificati. Si applica ad organizzazioni di qualsiasi tipo e dimensione coinvolte nella pianificazione e gestione dei volontari non organizzati (per esempio amministrazioni locali, regionali e nazionali, corpi statutari, organizzazioni internazionali e non governative, aziende e gruppi pubblici e di comunità).
La futura norma può massimizzare l’efficienza della partecipazione dei cittadini alle attività di protezione civile.

Il progetto UNI1606304 “Sicurezza e resilienza – Gestione delle emergenze – Linee guida per la gestione degli incidenti” (adozione ISO 22320:2018) riguarda i principi che comunicano il valore e spiegano l’obiettivo della gestione degli incidenti; gli elementi di base della gestione degli incidenti, compresi i processi e la struttura focalizzati su ruoli e responsabilità, compiti e gestione delle risorse; il lavoro di gruppo attraverso direzione e cooperazione congiunte.

Il progetto UNI1606305 “Sicurezza della società – Gestione delle emergenze – Linee guida per avvisare la popolazione” (adozione ISO 22322:2015) rappresenta invece una guida allo sviluppo, gestione e attuazione dell’avviso alla popolazione prima, durante e dopo gli incidenti. La norma può essere un utile strumento per le organizzazioni che devono gestire le emergenze e avvisare la popolazione.

Il progetto UNI1606306 “Sicurezza della società – Gestione delle emergenze – Linee guida per la codifica dei colori per finalità di allertamento” (adozione ISO 22324:2015) fornisce le linee guida per l’uso di colori codificati al fine di informare le persone a rischio e il personale di prima risposta in merito al pericolo ed esprimere la gravità di una situazione. Si applica a tutti i tipi di pericolo in qualsiasi luogo. Non tratta il metodo per visualizzare i colori codificati né considerazioni ergonomiche dettagliate relative ai display di visualizzazione né i segnali di sicurezza trattati dalla ISO 3864-1.
La norma può essere utile al fine di integrare le disposizioni emanate per i sistemi di allertamento nazionale.

“Sicurezza e resilienza - Comunità resiliente - Linee guida per supportare persone vulnerabili in un'emergenza” è il titolo dell’ultimo progetto UNI1606314 (adozione ISO 22395:2018) che fornisce linee guida per le organizzazioni al fine di identificare, coinvolgere, comunicare e sostenere gli individui più vulnerabili alle emergenze naturali e indotte dall'uomo (sia intenzionali che involontarie). La norma si concentra sulle persone vulnerabili e sui loro bisogni in relazione ad un'emergenza: può essere utile al fine di fornire indicazioni complementari rispetto alle norme cogenti al fine di stabilire opportuni presidi di salvaguardia della popolazione vulnerabile.

Tutti i progetti vanno a supportare il D.lgs 2 gennaio 2018, n. 1 "Codice della protezione civile".

L’inchiesta pubblica preliminare comincerà il prossimo 14 agosto e terminerà il 28 agosto.
Per inviare commenti, utilizzate il modulo online disponibile in banca dati.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.