Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Nel corso della riunione dello scorso giugno della CT 241 del CTI, accanto alle consuete relazioni degli esperti sulle attività internazionali, si è ritornato a parlare della UNI 10339 sugli impianti aeraulici per la climatizzazione e del suo progetto di revisione.

Ricordiamo che il cantiere originario è stato aperto per lungo tempo ma, nonostante le molte energie spese, non si è mai riusciti a raggiungere un consenso unanime su una parte dei contenuti della norma. Il progetto è quindi rimasto un po’ di tempo in stand-by, fino a che, complice l’uscita della nuova EN 16798-1 “Energy performance of buildings - Ventilation for buildings - Part 1: Indoor environmental input parameters for design and assessment of energy performance of buildings addressing indoor air quality, thermal environment, lighting and acoustics - Module M1-6” (UNI EN 16798-1:2019 "Prestazione energetica degli edifici - Ventilazione per gli edifici - Parte 1: Parametri di ingresso dell'ambiente interno per la progettazione e la valutazione della prestazione energetica degli edifici in relazione alla qualità dell'aria interna, all'ambiente termico, all'illuminazione e all'acustica - Modulo M1-6"), non è stato necessario rimettervi mano.

Sono quindi ripresi i lavori, dapprima in un gruppo di lavoro ristretto, che ha preparato un’analisi ragionata sull’ultima bozza di norma, e successivamente allargando la partecipazione a tutta la commissione tecnica.

Nella riunione si è quindi partiti da quest’ultima bozza commentata, attraverso la qualesi sono evidenziati i punti di contatto con la EN 16798-1. La vera novità non ha però riguardato i contenuti, bensì l’organizzazione dell’opera. È stata infatti avanzata l’ipotesi di suddividere la norma in quattro parti. Più nello specifico, esse potranno essere:

  • "Parte 1: Classificazione degli impianti aeraulici e prescrizioni per sistemi e componenti"
  • "Parte 2: Procedura di offerta e di fornitura degli impianti aeraulici"
  • "Parte 3: Metodi e indicazioni per il progetto della ventilazione in edifici e ambienti non residenziali"
  • "Parte 4: Metodi e indicazioni per il progetto della ventilazione in edifici e ambienti residenziali".

La Commissione tecnica ha accolto favorevolmente tale proposta di suddivisione.
La finalità è innanzitutto quella di rendere il testo più agevole; in secondo luogo, la suddivisione potrebbe aiutare a superare le divergenze, o quantomeno non bloccare l’intero testo per disaccordi su pochi punti.

Roberto Nidasio
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Articolo pubblicato su “Energia e dintorni - Il CTI informa” di giugno 2019.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.