Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE.

Dal 13 al 15 novembre scorso a Madrid si è tenuto il terzo Forum Europeo per la Digitalizzazione in cui imprenditori, associazioni, Università, centri di ricerca, enti di normazione tecnica di tutto il mondo si sono riuniti per discutere l’impatto futuro della digitalizzazione sulla vita di cittadini, imprese, istituzioni.
digitising european industryEtica e intelligenza artificiale, un innovativo progetto per un’infrastruttura cloud comunitaria ed i programmi europei 2021-2027 per la ricerca e innovazione e la digitalizzazione sono i temi che hanno guidato il confronto.

Lucilla Sioli, direttore Artificial Intelligence and Digital Industry della DG Connect della Commissione Europea, ha illustrato i principi e le linee guida per costruire un’Intelligenza Artificiale etica, sicura e responsabile elaborati dal Gruppo di Esperti Europeo. In seguito la discussione, che ha visto il contributo di Joanna Goodey dell’Agenzia Europea per la Tutela dei Diritti Fondamentali dell’Uomo, ha evidenziato l’importanza della diffusione di conoscenza e consapevolezza sulle potenzialità delle applicazioni digitali per i cittadini e lo sviluppo di competenze.

Ernst Stoeckl-Pukall, rappresentante del Ministero tedesco per l’energia e l’economia, ha illustrato i principi del progetto GAIA-X che intende sviluppare un’infrastruttura cloud per permettere all’Europa di competere con Cina e USA. Leda Bologni di ART-ER ha illustrato l’eccellenza internazionale dell’Emilia Romagna che ospita uno dei supercomputer europei ed intende sviluppare progetti di infrastrutture digitali anche grazie alla recente legge regionale sull’intelligenza artificiale.

Il forum si è concluso con un dibattito sui futuri programmi di finanziamento comunitari per la R&I e la digitalizzazione (Horizon Europe e Digital Europe), in cui si è discusso il ruolo portante dei Digital Innovation Hub.

Numerose testimonianze imprenditoriali e del mondo della ricerca hanno ribadito l’importanza strategica della creazione di standard condivisi e coordinati a livello europeo e globale, che possano garantire sicurezza, affidabilità ed efficienza alle tecnologie digitali applicate al mondo industriale e civile.

UNI ha deciso di giocare un ruolo attivo in questa partita, anche grazie alla partecipazione a progetti europei che promuovano la digitalizzazione come driver per la sostenibilità e lo sviluppo di business model circolari nel settore manifatturiero, come ad esempio il progetto RECLAIM. UNI parteciperà inoltre ad un nuovo gruppo di lavoro europeo per intercettare i bisogni della normazione tecnica legati allo Smart Manufacturing

E’ possibile scaricare le presentazioni e visualizzare gli interventi del forum all'indirizzo https://webcastlive.es/digitisingeu/.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.