Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

In inchiesta preliminare fino al 21 dicembre il progetto UNI1609004 che definisce criteri, requisiti e metodi di prova per la qualificazione del processo di condizionamento in forma omogenea con matrice cementizia dei rifiuti radioattivi di media attività.

rifiuti radioattivi 1000
 

“Manufatti di rifiuti radioattivi - Condizionamento omogeneo con matrice cementizia dei rifiuti radioattivi di media attività - Qualifica del processo di condizionamento (forma del rifiuto, contenitore, manufatto)”. Questo il titolo del progetto di norma UNI1609004 di interesse della Commissione Tecnologie nucleari e radioprotezione, entrato nella fase dell’inchiesta pubblica preliminare.

Scopo del progetto è quello di definire i criteri, i requisiti e i metodi di prova per la qualificazione del processo di condizionamento in forma omogenea con matrice cementizia dei rifiuti radioattivi di media attività (classificazione secondo DM 7 Agosto 2015), al fine di produrre manufatti idonei allo stoccaggio in sicurezza sul luogo di produzione, al successivo trasporto e all'immagazzinamento di lunga durata presso le preposte strutture del Deposito Nazionale Parco Tecnologico (CSA) in attesa che venga individuato un deposito di tipo geologico idoneo al loro smaltimento.

A oggi non esiste nel contesto nazionale un riferimento che indichi i criteri e requisiti di cui sopra, nonché i metodi di prova che devono essere effettuati per verificare il loro rispetto.
Il beneficio atteso dalla proposta è quello di introdurre un riferimento normativo per il condizionamento in forma omogenea con matrice cementizia che possa essere adottato dai produttori nazionali di rifiuti radioattivi di media attività.

Il condizionamento citato di un rifiuto radioattivo è un processo che permette di generare un manufatto in cui il rifiuto è stabilmente legato alla matrice di condizionamento. Deve essere definito sulla base delle specifiche caratteristiche del rifiuto da condizionare e della matrice di condizionamento e può quindi scaturire solo ed esclusivamente da una adeguata attività di qualifica, finalizzata a dimostrare che la forma del rifiuto, il contenitore e il manufatto siano rispondenti a opportuni criteri e requisiti.

C'è tempo fino al 21 dicembre per farci sapere se:

  •  il mercato ha bisogno di questa norma
  • ci sono altri bisogni da soddisfare
  • ti interessa partecipare.

Lo sviluppo di uno standard deve avere luogo solo di fronte a un reale beneficio.
Per questo il tuo parere è importante: aspettiamo i tuoi commenti (>> vai alla banca dati).
Scopri come partecipare alle attività di normazione (>> vai alla sezione Associazione).

 


Data di scadenza dell’inchiesta pubblica preliminare: 21 dicembre 2020.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.