Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

Fino al 15 febbraio è in inchiesta pubblica finale il progetto di norma UNI sui termini relativi al decommissioning degli impianti nucleari e alla gestione dei loro rifiuti.

nuclear waste 1000

In questi giorni che vedono un acceso dibattito ospitato dai media sulla futura collocazione dei siti idonei per il “Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi”, si trova in fase di inchiesta pubblica finale (guarda la banca dati) il progetto di norma UNI 1604803 che definisce la terminologia relativa all’attività di disattivazione degli impianti nucleari (decommissioning) e alla gestione dei rifiuti da esse derivanti.

frase nuclear wasteIl progetto “Disattivazione impianti ed installazioni nucleari - Gestione e smaltimento dei residui radioattivi - Glossario” è frutto del lavoro della Commissione “Tecnologie Nucleari e Radioprotezione” e rimarrà in inchiesta pubblica finale – ovvero la fase finalizzata a raccogliere i commenti degli operatori e a ottenere il consenso più allargato possibile prima che il progetto diventi norma - fino al 15 febbraio 2021.

Lo smaltimento in sicurezza dei rifiuti radioattivi a chiusura del loro ciclo di vita è da sempre un tema “caldo” insieme a quello della restituzione dei siti privi di vincoli di natura radiologica: sono pratiche che coinvolgono e coinvolgeranno in futuro un numero importante di competenze tecnico-gestionali, chiamate di volta in volta a dare il proprio contributo specialistico alla risoluzione delle problematiche emergenti e cogenti.

Per adeguare la terminologia italiana alle direttive europee è necessario un glossario dedicato alla disattivazione degli impianti nucleari e alla gestione dei rifiuti radioattivi.
Il documento si propone di mettere a disposizione degli addetti uno strumento di immediata consultazione che - basato sulle terminologie già disponibili, opportunamente verificate e integrate - fornisca un glossario coerente con un quadro complessivo aggiornato delle fasi di disattivazione delle installazioni nucleari e del ciclo di vita dei rifiuti radioattivi.

Il progetto di norma UNI è il frutto del lavoro di circa tre anni della Commissione, che ha analizzato le definizioni derivanti da norme UNI precedenti, da leggi, decreti e normativa nazionale, da standard internazionali dell’Agenzia Atomica AIEA, dell’ISO, della IEC e delle guide tecniche dell’Autorità di Sicurezza”, commenta Massimo Sepielli, Presidente della Sottocommissione UNI “Terminologia nucleare” e Dirigente di Ricerca - Direzione Dipartimento Fusione e Sicurezza Nucleare dell’ENEA. “L’obiettivo è realizzare un corpo unico di definizioni, organico e comune per gli operatori, gli enti, le imprese e in generale tutti gli attori che parteciperanno al decommissioning delle centrali nucleari e impianti del ciclo del combustibile e alla localizzazione, progettazione e realizzazione del DNPT (Deposito Nazionale e Parco Tecnologico). Il glossario comprende più di 250 termini e verrà pubblicato proprio in concomitanza con la pubblicazione della CNAPI, la carta dei siti potenzialmente idonei a ospitare il deposito nazionale”.

La Commissione “Tecnologie Nucleari e Radioprotezione” UNI opera da circa 60 anni, su quattro filoni principali:

  • protezione dalle radiazioni, per il quale la Commissione ha pubblicato circa 130 norme,
  • impianti nucleari, per il quale si contano circa 40 norme (numero ridotto dovuto alle scelte del Paese) tra le quali tre norme sul Deposito Finale per i Rifiuti Radioattivi,
  • gestione in sicurezza dei rifiuti radioattivi, con il quale la Commissione ha anticipato gli organismi internazionali (la prima norma in materia risale alla metà degli anni ’90), che conta oltre 20 norme,
  • terminologia.

Il glossario di radioprotezione ha costituito una pietra miliare nel campo e così si spera avvenga con il glossario dei termini connessi con la gestione dei rifiuti radioattivi”, conclude Massimo Sepielli.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.