Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

La conoscenza e la tracciabilità di un prodotto sono elementi sempre più rilevanti e sempre più richiesti dai consumatori. La ISO 22095 "Chain of custody – General terminology and models" si occupa di questo. E ora si sta pensando all'adozione in ambito nazionale…

prodotti scaffale 1000

Lo scorso mese di ottobre l’ISO ha pubblicato la prima edizione di una norma sul tema della “catena di custodia” (Chain of Custody - CoC): si tratta della ISO 22095 "Chain of custody – General terminology and models", elaborata dal Project Committee ISO/PC 308.

frase chain of custodyDalle materie prime, come il cotone, al prodotto finale, come una T-shirt, la conoscenza e la tracciabilità delle caratteristiche specifiche di un prodotto (quali l'origine, le caratteristiche di sostenibilità e/o il processo di produzione) sono elementi sempre più rilevanti e sempre più richiesti dai consumatori.
La tracciabilità e, quindi, la trasparenza, consentono di fornire rassicurazioni e una migliore comprensione delle caratteristiche di produzione al fine di ridurre i rischi per la salute, la sicurezza e la qualità. In molti casi, si tratta persino un requisito legale.

Un sistema di gestione affidabile per la CoC è quindi importante per assicurare la qualità delle merci e l'affidabilità delle relative filiere, fino alle attività di valutazione della conformità correlate (come lo sviluppo di schemi di certificazione).
In considerazione della rilevanza del tema, la Commissione Tecnica UNI/CT 016 "Gestione per la qualità e metodi statistici" ha deliberato l’adozione della ISO 22095 e la sua traduzione in italiano.

La ISO 22095 è un documento normativo di alto livello che definisce un quadro di riferimento per la CoC nell’ambito della più ampia tematica della supply chain. In particolare, essa specifica:

  • un approccio coerente e generale alla progettazione, attuazione e gestione della CoC;
  • una terminologia armonizzata (aspetto sempre fondamentale per un documento che si pone l'obiettivo di rappresentare la milestone di un nuovo filone tecnico-normativo);
  • dei requisiti generali per differenti modelli di CoC;
  • una guida generale per l’applicazione dei modelli definiti di CoC, compresa una guida iniziale sulle circostanze in base alle quali una CoC potrebbe essere appropriata.

La norma è applicabile a tutti i materiali e prodotti, mentre non si applica ai servizi.
Da tale milestone hanno preso avvio i lavori dell’ISO/PC 308, formalmente insediatosi nel 2016 e che si appresta a diventare, nel prossimo futuro, un vero e proprio comitato tecnico (ISO/TC), con il mandato di definire un framework per la CoC, che serva un'ampia gamma di settori, materie prime e prodotti finali, e che copra specifiche caratteristiche di prodotto, per migliorare la trasparenza, l'efficienza di processo e la comparabilità dei modelli.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.