Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

Veicoli ferroviari, acustica, comunicatore professionale, costruzioni stradali, saldatura di materie plastiche, illuminazione di interni, vetro….
Inchiesta pubblica finale fino al 1 giugno.

IPF
 

Sono in inchiesta pubblica finale, fino al 1 giugno, otto progetti di norma.

Il progetto UNI1605075 intitolato “Veicoli ferroviari - Progettazione, installazione, validazione e manutenzione di sistemi di rilevazione ed estinzioni incendi destinati ai veicoli ferroviari - Principi generali” è sviluppato dalla commissione UNI/CT 050 Trasporto guidato su ferro.

Il suo scopo è quello di definire i criteri per la progettazione, installazione, validazione e manutenzione dei sistemi fissi di rilevazione ed estinzione incendi destinati ad essere installati a bordo dei veicoli ferroviari, nonché i relativi requisiti tecnici e prestazionali. Si applica ai veicoli ferroviari seguenti:

- carrozze passeggeri;

- mezzi di trazione;

- composizioni bloccate.

Sono di competenza della commissione UNI/CT 002 Acustica e vibrazioni due progetti.

Il primo, UNI1605627, “Acustica in edilizia - Linee guida per la previsione delle prestazioni acustiche degli edifici - Parte 1: Applicazione delle norme tecniche alla tipologia costruttiva nazionale” fornisce un modello di calcolo e la sua applicazione alle soluzioni tecniche costruttive nazionali per una corretta qualificazione acustica di un edificio nel suo complesso. Il modello si applica ad abitazioni e ad ogni altra situazione ad essi facilmente riconducibile. I modelli di calcolo descritti si basano su dati sperimentali, confrontati con stime progettuali, definiti per unità immobiliari in edifici a destinazione residenziale. Il rapporto tecnico considera le seguenti proprietà acustiche degli edifici:

  • L’isolamento dal rumore aereo proveniente dall'esterno;
  • L’isolamento dal rumore per via aerea tra ambienti;
  • L’isolamento acustico al calpestio tra ambienti.

Il secondo, UNI1605628, “Acustica in edilizia - Linee guida per la previsione delle prestazioni acustiche degli edifici - Parte 2: dati di ingresso per il modello di calcolo” fornisce indicazioni in merito al reperimento e al corretto utilizzo dei dati di ingresso del modello descritto nella parte prima (sopra descritta).

È di competenza della commissione UNI/CT 006 Attività professionali non regolamentate il progetto UNI1605641 “Attività professionali non regolamentate - Comunicatore professionale - Requisiti di conoscenza, abilità e autonomia e responsabilità”. Questo documento definisce i requisiti relativi all'attività professionale del Comunicatore Professionale. Tali requisiti sono specificati, a partire dai compiti e attività specifiche e dall'identificazione dei relativi contenuti, in termini di conoscenze e abilità, anche al fine di identificarne chiaramente il livello di autonomia e responsabilità in coerenza con il Quadro Nazionale delle Qualificazioni (QNQ). Tali requisiti sono inoltre espressi in maniera tale da agevolare e contribuire a rendere omogenei e trasparenti, per quanto possibile, i relativi processi di valutazione della conformità.

Inoltre, è di competenza della commissione UNI/CT 012 Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture il progetto UNI1606108 “Costruzione e manutenzione delle opere civili delle infrastrutture - Criteri per l'impiego dei materiali - Parte 2: Materiali granulari e miscele di aggregati legati con leganti idraulici e aerei”. Il documento ha lo scopo di fornire istruzioni per l'applicazione in Italia delle varie parti della UNI EN 14227 che indica i valori di riferimento per le caratteristiche tecniche in relazione a ciascuna destinazione d'uso. Costituisce, inoltre, un utile riferimento per la redazione dei capitolati e le contrattazioni (rapporti tra committente, cliente e fornitore) e non ha come scopo la marcatura CE dei materiali per l’impiego nelle strade. Fornisce i criteri di scelta del tipo di trattamento prevedibile, in funzione delle caratteristiche dei materiali, le metodologie di studio delle miscele, le modalità di fabbricazione e di posa in opera nonché i controlli di qualità finalizzati alla costruzione di opere atte a sopportare, con adeguata capacità strutturale, resistenza e durabilità, il transito dei mezzi utilizzati nei trasporti terrestri e aerei.

E ancora, è la commissione UNI/CT 039 Saldature insieme a UNIPLAST - Ente Italiano di Unificazione nelle Materie Plastiche - federato UNI, che propone il progetto UNI1608402 “Saldatura di materie plastiche - Saldatura per elettrofusione - Saldatura di tubi e/o raccordi di polietilene per tubazioni in pressione”. Il documento descrive una procedura di riferimento per la saldatura a elettrofusione di tubi e/o raccordi di polietilene per il trasporto e/o la distribuzione di gas combustibili, di acqua e altri fluidi in pressione, e i requisiti per i tipi di controllo che devono essere fatti. La norma si applica, assieme alle specifiche istruzioni operative e di sicurezza rilasciate dal produttore del raccordo, ai componenti di polietilene, conformi alla UNI 9736, UNI EN 1555-1, UNI EN 1555-2, UNI EN 1555-3 e UNI EN 1555-4, UNI EN 12201-1, UNI EN 12201-2, UNI EN 12201-3 e UNI EN 12201-4 e UNI EN ISO 15494.

I contenuti del documento possono essere utilizzati congiuntamente a quanto previsto nella UNI/TS 11508.

È di competenza della UNI/CT 023 Luce e illuminazione il progetto UNI1608854 “Luce e Illuminazione - Illuminazione di interni residenziali domestici con luce artificiale”. Questa specifica tecnica fornisce le prescrizioni relative all'esecuzione, l'esercizio e la verifica degli impianti di illuminazione artificiale negli ambienti interni residenziali domestici, con esclusione di ambienti e zone per cui esistono specifiche normative. Si applica integralmente agli impianti nuovi ed alle trasformazioni radicali degli impianti esistenti. Stabilisce le modalità per scegliere, valutare e misurare le grandezze foto-colorimetriche necessarie per definire le caratteristiche di un impianto di illuminazione artificiale per interni residenziali domestici. La misura e la valutazione possono riguardare sia la verifica delle progettazioni di impianti nuovi sia il controllo dello stato di quelli esistenti, al fine di ottenere livelli qualitativi omogenei in relazione ai diversi compiti visivi. Non si applica agli aspetti elettrici, acustici e termici legati agli impianti di illuminazione artificiale di interni residenziali domestici per i quali si rimanda ad altre norme specifiche.

Per finire, il progetto UNI1608929 dal titolo “Criteri di sicurezza nelle applicazioni vetrarie” è stato sviluppato dalla UNI/CT 054 Vetro. Il documento definisce i criteri di scelta dei vetri da impiegare, sia in esterni che in interni, in modo che, nella destinazione di impiego prevista, sia assicurata la rispondenza fra prestazioni dei vetri e requisiti minimi necessari per la sicurezza degli utilizzatori costituendo un riferimento nei rapporti tra i vari soggetti ed operatori coinvolti. Si applica ai vetri per edilizia e destinati a qualsiasi altro impiego non regolamentato da norme specifiche pertinenti, mentre per quelli regolamentati, la norma indica esclusivamente il riferimento da applicare. In merito ai vetri curvi il documento è applicato per la scelta della tipologia di materiale, mentre per la classificazione prestazionale, si applica solo nel caso in cui per il vetro curvo sia definito un metodo di prova.

L'inchiesta pubblica finale serve a raccogliere i commenti degli operatori e a ottenere il consenso più allargato possibile prima che il progetto diventi una norma, soprattutto da parte di chi non ha potuto partecipare alla prima fase di elaborazione normativa.

Per questo il tuo parere è importante: aspettiamo i tuoi commenti (>> vai alla banca dati).
Scopri come partecipare alle attività di normazione (>> vai alla sezione Associazione).


Data di scadenza dell’inchiesta pubblica finale: 1 giugno 2021.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.