Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

Fino al 15 maggio è in inchiesta pubblica finale il progetto di norma sulla figura dell’Exim Manager. Perché è importante? Ne abbiamo parlato con il coordinatore e gli esperti del Gruppo di lavoro.

manager2 1000

Ci sono ancora pochi giorni (il termine è il 15 maggio) per inviare i propri commenti al progetto di norma UNI sulla figura professionale dell’Exim Manager. Sta infatti per terminare la fase di inchiesta pubblica finale durante la quale è possibile raccogliere i commenti degli operatori e ottenere il consenso più allargato possibile prima che il documento diventi una norma UNI a tutti gli effetti.
Il testo del progetto (il cui codice è UNI1607124) può essere scaricato liberamente dalla nostra banca dati online.

Ma chi è l’Exim manager?
frase exim managerIl manager esperto di processi di Import/Export e internazionalizzazione (Exim Manager) è una figura professionale che può essere sia interna che esterna all’organizzazione e che sta diventando sempre più importante.
L’EXIM Manager ha infatti il delicato compito di analizzare, selezionare e sviluppare il mercato estero delle imprese, identificando le strategie più efficaci per l'ingresso e il consolidamento della presenza in ambito internazionale dell'organizzazione per cui presta servizio.

Un’attività stimolante e interessante che non può essere improvvisata e che richiede – evidentemente – conoscenze abilità e competenze particolari: ma quali esattamente?
Ce lo spiegano alcuni degli esperti che hanno partecipato in prima persona allo sviluppo della futura norma tecnica.

g vargiuSecondo Giuseppe Vargiu (Presidente Associazione UNIEXPORTMANAGER e coordinatore del gruppo di lavoro UNI) la futura norma consentirà un’adeguata qualificazione professionale delle capacità e delle competenze e permetterà alle aziende di reperire facilmente e in modo sicuro risorse professionali qualificate.
In Italia” - dichiara Vargiu – “ci sono circa 123 mila aziende esportatrici che purtroppo -  nel corso dell’ultimo anno - hanno subito un calo significativo. Ci vorranno circa 20 mila nuovi Export manager per ritornare almeno ai livelli del 2015, per cui tantissime piccole aziende avranno bisogno di queste competenze e la nuova norma servirà proprio a valorizzare la professionalità e l’esperienza dei professionisti che lavorano per l’export italiano”.

p galbiatiIl documento prevede tre differenti livelli della figura professionale dell’EXIM Manager: Junior, Advanced e Senior” - spiega Paolo Galbiati di CNA Nazionale, esperto del gruppo di lavoro UNI – “e definisce 12 compiti, con le relative attività specifiche, suddivisi in quattro fasi di processo ispirate al Ciclo PDCA (Plan, Do, Check, Act). Questi tre livelli permetteranno la massima fruibilità della norma UNI da parte di un pubblico che speriamo il più ampio possibile e cioè da professionisti con differenti gradi di esperienza”.

d doninottiDavid Doninotti, segretario generale di IMIT (Italian Managers for International Trade, esperto del gruppo di lavoro UNI) dopo aver illustrato  quali sono le capacità e le conoscenze richieste a questa figura professionale spiega che “la futura norma UNI servirà soprattutto a mettere ordine e a fare chiarezza in un mercato in cui purtroppo alcuni vantano competenze che non hanno: la certificazione sulla base della nuova norma UNI permetterà quindi ai professionisti e ai manager di avere una carta in più per distinguersi da chi non ha realmente queste competenze”.

Guarda le videointerviste complete sul nostro canale YouTube.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.