Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

Sono 6 i progetti di norma sottoposti in questi giorni (dal 16 al 30 giugno) all’inchiesta pubblica preliminare. Gli argomenti trattati riguardano: organi meccanici, tecnologie biomediche, facciate ventilate e le figure del project manager e dell’agente immobiliare.

IPP 

Sono 6 i progetti di norma sottoposti a inchiesta pubblica preliminare per due settimane, dal 16 al 30 giugno. Questi i temi al centro dei lavori delle commissioni tecniche.

La commissione Organi meccanici propone due progetti di norma.

Il primo, UNI1609639, specifica le caratteristiche delle catene a bussole, a rulli cilindrici e flangiati, con perni di tipo pieno e forato, progettate per trasporto generico e le operazioni movimentazione meccanica, insieme alle relative ruote dentate ed attacchi. Nasce dalla necessità di ampliare il parco normativo nazionale. Adotta la ISO 1977:2006.

Il secondo, UNI1609796, definisce i termini fondamentali applicabili alle filettature cilindriche. Nasce dall’esigenza di allineamento allo stato dell'arte. sostituisce la UNI ISO 5408:1989.

Il progetto UNI1609826 proposto dalla commissione Prodotti, processi e sistemi per l'organismo edilizio specifica le principali caratteristiche prestazionali in relazione alla sicurezza in uso, al comportamento agli agenti atmosferici e all'isolamento termico e acustico delle facciate ventilate utilizzate come involucro edilizio e alla sostenibilità ambientale. Inoltre, fornisce una terminologia di base e una descrizione delle facciate ventilate e dei loro componenti e i criteri di computazione metrica. Nasce dalla necessità di dare maggiore copertura per l'impiego della presente tecnologia in virtù anche della legislazione vigente e delle nuove norme tecniche. Sostituisce la UNI 11018:2003.

Proseguiamo con il progetto UNI1609663 proposto dalla commissione Servizi che definisce i requisiti relativi all'attività professionale del Project Manager. Tali requisiti sono specificati, a partire dai compiti e attività specifiche e dall'identificazione dei relativi contenuti, in termini di conoscenze e abilità, anche al fine di identificarne chiaramente il livello di autonomia e responsabilità in coerenza con il Quadro Nazionale delle Qualificazioni (QNQ). Tali requisiti sono inoltre espressi in maniera tale da agevolare e contribuire a rendere omogenei e trasparenti, per quanto possibile, i relativi processi di valutazione della conformità. Nasce dalla necessità di produrre una norma di riferimento per la figura professionale Project Manager. Sostituisce la UNI 11648:2016.

Il progetto UNI1609838 proposto dalla commissione Tecnologie biomediche e diagnostiche fornisce una guida per supervisori e operatori di dispositivi di test point-of-care (POCT). Nasce dalla necessità di avere un documento utile per tutte quelle organizzazioni che usano apparecchiature Point-of-care-test (POCT), POCT, che sono ampiamente utilizzate come strumento per prendere decisioni relative alle esigenze di salute, gestione o assistenza dei pazienti. Tali decisioni possono includere il ricovero in ospedale, l'evacuazione in ambienti assistenziali più appropriati e la gestione diretta del paziente. Adotta la ISO/TS 22583:2019.

Per concludere la commissione Commercio propone il progetto UNI1609801 che definisce i requisiti per l'erogazione dei servizi degli agenti immobiliari indicando all'articolo 6 le qualifiche e competenze degli agenti immobiliari. In considerazione della Legge 3 febbraio 1989, n. 39 e successive modifiche ed integrazioni, che disciplina la professione dell'agente immobiliare, tali elementi risultano rappresentati genericamente. Pertanto, con la redazione di una specifica norma italiana si intende conseguire l'allineamento al sistema EQF e definire i requisiti di conoscenza, abilità, responsabilità ed autonomia richiesti dalla Guida CEN 14 e dal modello nazionale di riferimento per le norme tecniche afferenti le professioni. Nasce dall’esigenza che tutti gli stakeholders (ossia gli operatori del mercato e la clientela potenziale privata e corporate), possano disporre di una norma professionale di riferimento indicativo del livello base di qualità del servizio che dovrebbe essere reso dall'agente immobiliare. Norma che pertanto si baserà, inevitabilmente, sulle leggi applicabili a livello nazionale e sulla specifica norma definita a livello europeo (UNI EN 15733:2011) al fine di allineare la professione dell'agente immobiliare alle migliori pratiche in uso a livello europeo.

 

L'inchiesta pubblica preliminare è un passaggio fondamentale del processo normativo perché aiuta a capire se:

  • il mercato ha bisogno di queste norme;
  • ci sono altri bisogni da soddisfare;
  • ti interessa partecipare.

Lo sviluppo di uno standard deve avere luogo solo di fronte a un reale beneficio.
Per questo il tuo parere è importante: aspettiamo i tuoi commenti (>> vai alla banca dati).
Scopri come partecipare alle attività di normazione (>> vai alla sezione Associazione).

 


Data di scadenza dell’inchiesta pubblica preliminare: 30 giugno 2021.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.