Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

Da tempo stiamo vivendo i nostri incontri utilizzando piattaforme online. È stata una imposizione che non ci ha lasciato tempo per prepararci. Oggi siamo però in grado di esprimerci, sulla base dell’esperienza, sui pro e sui contro. I vissuti sono i più variegati, analogamente le valutazioni. Vediamo insieme di costruire un approccio critico-costruttivo.

L’APPORTO DELLA TECNOLOGIA

Gli strumenti nuovi nascono con la finalità di migliorare: produrre un livello superiore del risultato o ottimizzare le risorse, il tempo in primis. È un errore però sottovalutarne l’aspetto pratico, soprattutto a livello organizzativo. Pensiamo ad Internet. Ci ha fatto mettere nel dimenticatoio il fax. In tempo reale il messaggio transita dall’emittente ad uno o più destinatari, con una fatica minima: basta un click sulla tastiera. Da questa situazione idilliaca sono nati anche problemi, che possiamo configurare nella dizione “tsunami” generato dal numero e dalla lunghezza delle email. A nostre spese ci siamo resi conto che occorreva rivedere le modalità di uso di questo strumento. La messa a punto ha riguardato sia la redazione dei messaggi sia i comportamenti nei ruoli di emittente e destinatario. A condizione di prestare la dovuta attenzione a questi aspetti il “messaggio elettronico” diventa un utile e caro compagno di lavoro.

LA RELAZIONE ONLINE

Anche le video-chiamate sono frutto di una nuova tecnologia. Esistevano già ben prima dell’avvento del COVID time. Erano utilizzate da pochi ed anche viste con una certa diffidenza. Dal marzo 2020 abbiamo dovuto diventare familiari all’uso di questa modalità di entrare in contatto per incontri conoscitivi, riunioni, formazione, …

Analizziamo cosa accade in questi contatti? Ci mostriamo in modo diverso, vediamo gli altri da una diversa prospettiva. È corretto dire che il canale online è freddo? Che non permette di entrare in relazione? Forse. Ma non necessariamente. Dipende da come noi ci poniamo di fronte al “diverso modo di relazionarci”. Pensare di poter continuare ad avere gli stessi stili comportamentali è un atteggiamento penalizzante. Ci mette nelle condizioni di perdere a priori i benefici proposti da una nuova tecnologia.

LE REAZIONI

Abbiamo sperimentato che dopo una serie di incontri online percepiamo un senso di stanchezza “nuovo”, ben diverso da quello vissuto nella giornata lavorativa in ufficio. La webcam impone a tutti i soggetti coinvolti, organizzatore e partecipanti, un immobilismo, sia fisico sia dello sguardo. Questo genera nei nostri neuroni un bombardamento di messaggi che si traducono in segnali di allerta, come dimostrato dagli studi su Zoom Fatigue.

Parallelamente ci siamo resi conto che la distanza non è stata più un problema, in termini di tempi e costi di spostamento. Con una modalità molto semplice si può lavorare e confrontarsi pur rimanendo nel proprio ambiente ed entrare in contatto con persone in tutt’altra parte del globo. La ricaduta è stata anche un’altra: abbiamo ridotto alla grande i tempi di spostamento, e forse ci siamo anche trovati ad essere padroni di più tempo!

GLI ACCORGIMENTI

Consapevoli di queste reazioni, sta al proprio libero arbitrio decidere se patire o prendere quanto c’è di buono, attuando accorgimenti che ci salvaguardano dagli aspetti non graditi. Per fare tesoro di questo canale di relazione dobbiamo rivedere con occhio critico i principi di comunicazione, ovvero come cambia la dinamica fra emittente e destinatari. Va anche prestata attenzione alla nostra postazione in modo da far giungere agli altri una immagine in formato francobollo che ci rappresenti per quello che vogliamo apparire. Cambiano anche le modalità di dialogo: la rete impone un piccolo ritardo, le interazioni devono seguire un altro codice comportamentale. E, infine, è nostro dovere prestare attenzione al nostro motore: il cervello. Nel vivere relazioni da schermo a schermo, i nostri neuroni ricevono un bombardamento ben diverso dalla tradizionale situazione in presenza. Diventa conseguenziale diventar padroni di accorgimenti per evitare sgradevoli stress e, nel contempo, di destreggiaci con maggiore padronanza nelle relazioni che anche a distanza, possono essere calde e produttive. Grazie a questo atteggiamento potremo convertire il distanziamento sociale, che ci protegge la salute, in socializzazione a distanza, che fa bene al cuore!

Di tutto questo ne parleremo nel nuovo corso UNITRAIN “Zoom Fatigue: come salvaguardarsi dalla stanchezza nelle relazioni on-line”, da remoto attraverso la piattaforma Zoom il prossimo 19 gennaio dalle 9.00 alle 13.00

Le iscrizioni sono ancora aperte

Per maggiori informazioni contattare

1 unitrain per articoli

tel. 02 70024379 - 228

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.twitter.com/formazioneUNI#CorsoUNI

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.