Stampa 

Dall’inizio dell’anno sono allo studio 803 progetti di norma e 26 prassi di riferimento.
Vediamo più nel dettaglio quali sono i temi oggetto di questa intensa attività.

Per le norme puramente nazionali, il 17% rientrano nel macrosettore “Sicurezza” (ad esempio sulla figura professionale operante nella gestione dei rischi - Risk Manager; le linee di indirizzo applicative della UNI ISO 45001; i requisiti di conoscenza, abilità e competenza delle figure professionali coinvolte nel processo di asseverazione dei MOG-SSL nel settore terziario), il 16% in “Energia e impianti” (ad esempio sulla progettazione, installazione e messa in servizio di impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kW; i requisiti di conoscenza, abilità e competenza degli esperti in gestione dell'energia), l’11% in “Salute e benessere” (ad esempio sulla procedura di valutazione e verifica in opera della classificazione acustica delle unità immobiliari) e il 10% nelle “Costruzioni” (ad esempio sulla tecnologia di realizzazione delle infrastrutture interrate tramite sistemi di minitrincea; le linea guida per la redazione del capitolato tecnico sulla segnaletica stradale).

Per le prassi di riferimento il macrosettore più attivo è quello della “Sostenibilità”, all’interno del quale si sta sviluppando il 27% dei lavori (ad esempio le linee guida sul processo di adozione di specifici KPI inerenti le politiche di parità di genere nelle organizzazioni; la tracciabilità dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata; il rating di sostenibilità per le imprese di minori dimensioni), al quale seguono entrambi con il 19% dei lavori in corso “Salute e benessere” e “Servizi e professioni” (ad esempio sui requisiti di servizio per la distribuzione dei medicinali, dispositivi medici e dispositivi medici in vitro diagnostici; la gestione delle emergenze sanitarie nelle Residenze Sanitarie Assistenziali; i profili professionali che operano in ambito sanitario nel campo specifico dell’anestesia, rianimazione, terapia intensiva e del dolore).

Questi ed altri dati (in particolare tutti i lavori di recepimento/adozione delle norme EN e ISO) sono contenuti nel Programma di lavoro annuale (scarica il documento) che il Ministero dello Sviluppo Economico ci chiede, che integra quello richiesto dalla normativa europea vigente (articolo 3.3 del Regolamento UE 1025/2012), già pubblicato nei giorni scorsi.
Entrambi i documenti sono liberamente scaricabili dalla pagina Normazione > Lavorare e partecipare > Programma di normazione nazionale.

Buona lettura!

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.