Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

I pericoli connessi all'amianto - materiale che fino a qualche decennio fa veniva ampiamente utilizzato nel nostro Paese nella costruzione di edifici e infrastrutture - sono ormai noti a tutti. L'eventuale inalazione delle sue fibre può essere infatti pericolosa e provocare conseguenze molto gravi per la salute.

logo sportelloamiantoPer venire incontro alle esigenze di amministrazioni, imprese e cittadini che chiedono maggiore chiarezza su come monitorare e gestire il rischio amianto, nel mese di marzo UNI in collaborazione con Sportello Amianto Nazionale darà il via a un tavolo tecnico per lo sviluppo di una nuova prassi di riferimento (UNI/PdR) sul tema "Materiali contenenti amianto – Determinazione dello stato di degrado dell'amianto di natura antropica e definizione dei requisiti professionali del Responsabile Rischio Amianto".

Perché è proprio quando l’amianto si degrada che diventa pericoloso.

La futura Prassi di Riferimento - alla cui stesura parteciperanno anche altre organizzazioni specializzate - definirà una metodologia per determinare l'indice di stato di degrado dell'amianto di natura antropica presente nel patrimonio immobiliare, stabilirà i requisiti professionali minimi richiesti alla figura del Responsabile Rischio Amianto (prevista dal DM 06/09/94) e la formazione operativa necessaria a svolgere programmi di monitoraggio e manutenzione.

Secondo Giuseppe Rossi (presidente UNI) “La sicurezza - in generale - ha bisogno di un insieme di elementi per essere garantita: la progettazione, l’esecuzione e i prodotti utilizzati, la manutenzione e - soprattutto - il ruolo umano nelle fasi di installazione e posa, nell’uso e nello smaltimento. Nello specifico caso dell’amianto, grazie ai limiti posti dalla legislazione la prassi potrà concentrarsi solo su una parte di essi (demolizione, rimozione, movimentazione…), ma sono certo che lo farà con la massima efficacia per identificare, gestire e annullare una triste eredità che nulla ha a che fare con il concetto di sostenibilità”.

Fa eco Fabrizio Protti (presidente Sportello Amianto Nazionale) che aggiunge “L’intesa tra UNI e Sportello Amianto getterà le basi per determinare finalmente una prassi Nazionale totalmente assente in materia, se pur presenti precisi obblighi di legge.” 
“Come spesso accade" - prosegue Protti - "nel caso della ‘certificazione dell’indice di stato di degrado’ e della figura professionale obbligatoria del ‘responsabile rischio amianto’ , lo Stato in trent'anni ha posto figure ed incombenze obbligatorie lasciando scoperta e delegata alle Regioni la responsabilità di normare i protocolli operativi all’interno dei piani amianto, non sempre presenti e solo qualora lo ritenessero necessario. Così ci troviamo ad esempio tetti per cui se ipotizzassimo di analizzarne lo stato di degrado con differenti protocolli regionali, potrebbero risultare pericolosi se collocati in un luogo e sicuri se collocati in un altro. Medesimo problema riguardo la professionalità di una figura di alto profilo il ‘Responsabile Rischio Amianto’ per cui a fronte di un obbligo legale di presenza, qualora sussistessero manufatti In MCA in una proprietà non vi è una definizione Nazionale Universale delle competenze minime per svolgere l’impegnativa professione”.
"Perciò"
- conclude Protti - "questo percorso che porterà alla prassi scritta da UNI con l’aiuto dello Sportello Amianto Nazionale, attraverso l’aggregazione dei migliori esperti Italiani scelti con attenzione tra enti pubblici e consigli tecnici delle professioni, porterà indicazioni chiare ed universali, necessarie per mettere un po’ d’ordine e per guidare in maniera omogenea dove nessuno prima era intervenuto”.

Ricordiamo che le  Prassi di riferimento UNI sono documenti che definiscono prescrizioni tecniche o modelli applicativi di norme tecniche, elaborati con un rapido processo di condivisione ristretta, e costituiscono una tipologia di documento para-normativo nazionale che va nella direzione auspicata di trasferimento dell’innovazione e di preparazione dei contesti di sviluppo per le future attività di normazione, fornendo una risposta tempestiva a una società in cambiamento. Tutte le prassi di riferimento sono gratuitamente scaricabili dal nostro sito accedendo alla sezione “Catalogo”.

 


 

Sportello Amianto Nazionale è un'Associazione di Promozione sociale, senza scopo di lucro, inquadrata secondo la nuova normativa nazionale ed iscritta al registro delle Associazioni della Regione Lazio al numero 2402. Fornisce servizi di informazione multidisciplinare alla cittadinanza ed alle P.A per affrontare praticamente diritti e doveri in ambito amianto al fine di rendere più efficace la gestione del rischio.

Lo Sportello Amianto Nazionale è nato a gennaio 2017. Oggi è presente in 1400 Comuni Italiani che hanno deliberato, per via diretta o nell’ambito di “unioni dei comuni”, di assistere i propri cittadini con la corretta informazione erogata gratuitamente dallo Sportello Amianto Nazionale per la corretta gestione del rischio.
Ad oggi lo Sportello Amianto Nazionale gestisce un bacino di utenza di circa 6 Milioni di Cittadini; è consulente dedicato per associazioni di proprietari e di amministratori del patrimonio immobiliare; ha partecipato come consulente esperto alla III Conferenza Governativa Nazionale Amianto di Casale Monferrato ed è attualmente promotore della domanda di IV Conferenza Governativa Nazionale Amianto richiesta in Broni per l’anno 2022.

 

 

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.