Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

Webinar per ISS 1-3-2022“Normazione, ricerca e innovazione” questo il titolo del webinar tenutosi lo scorso 1 marzo organizzato con l’obiettivo di consolidare i legami tra UNI e il mondo della standardizzazione e l’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

L’evento, riservato al personale dell’ISS, rientra tra le iniziative previste all’interno dell’accordo quadro siglato tra UNI e l’Istituto.

Nel corso dell'incontro sono stati approfonditi gli aspetti riguardanti il ruolo della normazione tecnica nel facilitare il trasferimento tecnologico e promuovere l’innovazione, fungendo da anello di congiunzione proprio tra innovazione e mercato. In particolare, si è parlato di progetti di ricerca e innovazione evidenziando come la normazione possa essere un valido strumento attraverso cui veicolare i contenuti della ricerca direttamente al mercato.

Durante l’evento è stato dapprima analizzato il rapporto tra normazione e innovazione sottolineando i vantaggi che la prima può apportare alla seconda; successivamente l’attenzione è ricaduta sul ruolo degli standard all’interno dei progetti finanziati, portando l’esempio pratico dei progetti Horizon.

A questo proposito è stata citata la nuova EU strategy on standardization “che delinea l'approccio UE alle norme all'interno del mercato unico e a livello globale. Essa mira a rafforzare la competitività dell'UE a livello globale, a promuovere un'economia resiliente, verde e digitale e a integrare i valori democratici nelle applicazioni tecnologiche".

La seconda parte del webinar si è focalizzata su un particolare strumento della normazione, il CEN Workshop Agreement o, più comunemente, CWA: strumento di pre-normazione frequentemente utilizzato nelle attività previste dai progetti di ricerca poiché altamente innovativo ed in grado di trasferire, in un tempo relativamente rapido, i risultati di un progetto di ricerca direttamente al mercato.

Sono stati elencati i benefici che il ricorso a strumenti come i CWA può portare all’exploitation dei risultati dei progetti di ricerca. A sostegno di questa tesi, e a testimonianza di quanto già fatto, sono stati presentati due CWA realizzati nell’ambito di due diversi progetti Horizon 2020.

Per completare il quadro, UNI ha presentato il caso del progetto europeo Horizon 2020 ASINA coordinato dal Consiglio Nazionale della Ricerca (CNR) e al quale UNI partecipa come partner per una serie di attività che riguardano la standardizzazione.
Nello specifico, il progetto ASINA acronimo di “Anticipating Safety Issues at the Design Stage of Nano Product Development” (Grant agreement n. 862444) ha l’obiettivo principale di definire una metodologia per la progettazione Safe and Sustainable by Design (SSbD) per nanomateriali, con focus sulle nanotecnologie pulite per rivestimenti e sistemi nanoencapsulati per cosmetici.

UNI, all’interno del progetto, è responsabile di un task sulla standardizzazione e in particolare si occuperà, assieme ai partner, di definire una Stratgic Standardization Roadmap, ossia un documento che identifichi i gap normativi emersi e proponga i possibili scenari per colmarli.
UNI inoltre sta lavorando con i partner del progetto per valutare i risultati più innovativi e rilevanti da trasformare possibilmente in un documento pre-normativo (CWA), nonché collaborare ad eventuali pubblicazioni scientifiche.

Per saperne di più, visita la pagina del sito di UNI dedicata ai progetti finanziati.

Per informazioni e approfondimenti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.