Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La climatizzazione invernale degli edifici è, da un punto di vista tecnico, un tema molto vasto e articolato: esso comprende impianti, generatori, componenti, sistemi e metodi di calcolo.
E' il Sottocomitato 6 del CTI, il Comitato Termotecnico Italiano, a sviluppare le norme tecniche in questo settore, con attività nazionali e interfacciando i lavori del CEN e dell'ISO.
La struttura del Sottocomitato 6 "Riscaldamento e ventilazione" si articola in 8 gruppi di lavoro:

  1. Impianti di riscaldamento - Progettazione, fabbisogni di energia e sicurezza (UNI/TS 11300-2 e 11300-4)
  2. Impianti di riscaldamento - Esercizio, conduzione, manutenzione, misure in campo e ispezioni
  3. Componenti degli impianti di riscaldamento - Produzione del calore, generatori a combustibili liquidi, gassosi e solidi
  4. Componenti degli impianti di riscaldamento - Emissione del calore (radiatori, convettori, pannelli a pavimento, soffitto, parete, strisce radianti)
  5. Componenti degli impianti di riscaldamento - Reti di distribuzione
  6. Impianti geotermici a bassa temperatura con pompa di calore
  7. Stufe, caminetti e barbecue ad aria e acqua (con o senza caldaia incorporata)
  8. Camini - Gruppo Misto CTI-CIG

A questi si aggiunge il GL EPBD (Energy Performance of Buildings), come gruppo trasversale che interfaccia i lavori del CEN/TC 371, e la cui attività coinvolge anche altri gruppi di lavoro al di là del Sottocomitato 6.

Il numero di marzo 2014 di "Energia e Dintorni", rivista del Comitato Termotecnico Italiano – Energia e Ambiente, dedica proprio alle attività del Sottocomitato 6 un dettagliato Dossier di approfondimento (ENERGIA e DINTORNI, Marzo 2014).

Ovviamente numerose le attività di normazione del Sottocomitato 6 del CTI in programma nel 2014. Tra queste si segnalano:

  • elaborazione di documenti a supporto della legislazione nazionale (D.Lgs. 192/05 e DPR 59/09) soprattutto in relazione agli impianti termici civili;
  • ripresa dei lavori sulla UNI 10389-2 “Generatori di calore - Analisi dei prodotti della combustione e misurazione in opera del rendimento di combustione - Parte 2: Generatori di calore a combustibile solido e solido biomassa con alimentazione meccanica o manuale”;
  • chiusura dei lavori sulle norme in materia di impianti geotermici (qualificazione delle ditte installatrici e proseguimento dei lavori sulle norme riguardanti il monitoraggio dei sistemi, la qualificazione degli operatori del settore e l’idrotermia);
  • monitoraggio dei tavoli istituzionali che trattano il problema delle polveri sottili emesse da apparecchi a biomassa;
  • pubblicazione delle norme relative ai criteri di scelta in funzione del tipo di applicazione e relativa  designazione del prodotto per camini, canali da fumo, condotti, canne fumarie metallici, plastici e in refrattario.
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.