Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

dog trainingInteressa la Commissione UNI/CT 006 Attività professionali non regolamentate il progetto di norma UNI1605640 “Attività professionali non regolamentate - Educatore Cinofilo ed Esperto Cinofilo nell'Area Comportamentale - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza” in inchiesta pubblica finale dal 25 marzo al 24 maggio 2020.

I requisiti sono specificati, a partire dai compiti e attività specifiche identificati, in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al Quadro europeo delle qualifiche (European Qualifications Framework - EQF) e sono espressi in maniera tale da agevolare e contribuire a rendere omogenei, per quanto possibile, i processi di valutazione e convalida dei risultati dell’apprendimento.

Secondo quanto definito nel documento, l’Educatore Cinofilo - EC è una figura professionale di 1° livello che opera con la propria competenza tecnica per orientare l’interazione tra uomo e cane attuando programmi di educazione che attraverso la costruzione di una solida relazione uomo-animale favoriscono la migliore convivenza familiare e sociale. L’educatore è in grado di valutare e selezionare le metodologie, le tecniche e gli strumenti più appropriati per raggiungere i risultati educativi programmati che riguardano lo sviluppo e il rafforzamento delle competenze sociali del cane e l’acquisizione da parte del cliente/utente delle informazioni e conoscenze necessarie. L’EC opera in specifici ambiti educativi e si rivolge ad altri colleghi qualificati (EsCAC) o ad altri professionisti per gli ambiti che non riguardano strettamente le sue competenze (in particolare per tutti gli aspetti sanitari si rivolge al Medico Veterinario).

L’Esperto Cinofilo nell’Area Comportamentale - EsCAC è la figura professionale di 2° livello specializzata nell'analisi e comprensione del comportamento del cane, nella relazione intra-extra gruppo famigliare e nella progettazione e realizzazione di programmi di educazione/istruzione e/o modificazione comportamentale. Ha specifiche competenze per valutare, prevenire o modificare comportamenti inappropriati e/o problematiche comportamentali del cane, non riferibili a patologie comportamentali, sviluppando programmi di educazione/istruzione e/o modificazione comportamentale, sulla base di specifiche metodologie e tecniche.

Al momento della pubblicazione della norma, il mantenimento, l’aggiornamento e l’evoluzione delle competenze necessarie alle attività professionali in oggetto non sono subordinate ad uno specifico percorso formativo. Il professionista è comunque tenuto a seguire percorsi autonomi o guidati di aggiornamento professionale continuo.

L'inchiesta pubblica finale è in corso. Terminerà il 24 maggio 2020. Chi fosse interessato può inviare i propri commenti utilizzando l'apposito modulo online nella sezione IPP Inchiesta Pubblica Finale.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.