Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE
Login

meeting inchiestaSono 11 i progetti di norma che, dal 20 luglio fino al 3 agosto, verranno sottoposti ad inchiesta pubblica preliminare.

Due progetti ora ai blocchi di partenza sono di competenza UNINFO, l’ente federato all’UNI che si occupa delle tecnologie informatiche e delle loro applicazioni.
Il primo riguarda l’ingegneria del software e di sistema, in particolare i “Requisiti e valutazione della qualità dei sistemi e del software (SQuaRE)”. Si tratta della adozione della ISO/IEC 25010:2011, citata nelle Gare riguardanti lo sviluppo di software per le Pubbliche amministrazioni.
Il secondo è invece l’adozione della ISO/IEC 30146:2019 sugli “Indicatori delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione per la Smart City”.
La norma stabilisce sistemi di indicatori ICT per i processi smart city/community come quadro di riferimento per la valutazione di performance e capability relativi all'adozione e all'utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. L’adozione di questa norma sarebbe tanto più auspicabile in quanto non ci sono tuttora modelli analoghi in ambito nazionale, e potrebbe quindi supportare il monitoraggio degli obiettivi 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile.

Quattro progetti sono invece di competenza della Commissione “Agroalimentare” e riguardano le caratteristiche e i metodi di analisi di diversi tipi di olio. Per tutti i progetti di norma l’obiettivo è l’aggiornamento e l’allineamento con la più recente legislazione.

Tre progetti, in capo alla Commissione “Trasporti interni”, hanno invece per oggetto i carrelli industriali: vocabolario, requisiti di sicurezza e verifica di stabilità. I lavori che si intendono avviare mirano a colmare delle lacune normative e a fornire quindi al mercato dei produttori e degli utilizzatori dei documenti di riferimento.

Un ulteriore progetto di norma viene preso in carico dalla Commissione “Tecnologie nucleari e radioprotezione” e riguarda l’adozione della norma ISO 9978 del 2020, che dovrebbe sostituire la precedente versione adottata nel 2007, in tema di protezione dalle radiazioni (“Sorgenti radioattive sigillate - Metodi di prova per la rilevazione delle perdite”). La norma fornisce un completo elenco di procedure attraverso metodi radioattivi o non radioattivi.
Le sorgenti radioattive sigillate sono ampiamente utilizzate sul territorio nazionale per svariate applicazioni. I test di tenuta e le modalità per effettuarli sono rilevanti per la radioprotezione e per la prevenzione di eventuali rilasci o contaminazioni accidentali.

Infine la Commissione “Documentazione e informazione” propone l’adozione della ISO 20771:2020 (“Legal translation - Requirements”) sui requisiti per le competenze e le qualifiche di traduttori, revisori e riesaminatori legali.
In particolare la norma specifica i processi fondamentali, le risorse, la riservatezza, i requisiti di sviluppo professionale, la formazione e altri aspetti del servizio di traduzione legale fornito dai singoli traduttori. I documenti legali costituiscono la base per molte imprese personali e commerciali e la traduzione legale è un tipo altamente specializzato di servizio di traduzione che è frequentemente utilizzato in contesti ufficiali e legali. Tutto ciò richiede il rispetto dei più alti parametri di qualità professionale, che la norma può aiutare a determinare.

Ricordiamo che l’inchiesta pubblica preliminare è il primo fondamentale passaggio dell’iter di normazione tecnica, durante il quale si dà la parola agli stakeholder per verificare l’interesse del mercato allo sviluppo di specifiche attività normative.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.