Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE.
Login

Kite 1Li vediamo planare sull’acqua, li guardiamo ammirati e anche un po’ spaventati….. sono i kite surfer, i coraggiosi che con i piedi ancorati sulla tavola da surf e le mani aggrappate a un aquilone (kite) riescono a librarsi in aria e a fare acrobazie incredibili sfruttando la potenza del vento.

Negli ultimi 20 anni lo sport del kite boarding o kite surfing si è trasformato da un’attività destinata esclusivamente ai “supersportivi” a uno sport popolare praticato da persone di diverse età e con differenti condizioni fisiche.

Non si può comunque negare che ancora oggi il kite boarding sia considerato uno sport estremo a causa dei rischi associati alla velocità, all’acqua e alle situazioni imprevedibili che possono verificarsi.

Se un evento improvviso non può essere tenuto sotto controllo dall’utilizzatore il sistema di rilascio e il sistema di sgancio rapido sono gli elementi decisivi che potranno più facilmente prevenire emergenze, incidenti e pericoli gravi.

Per questo a livello internazionale l’ISO, in collaborazione con la Global Kitesports Association (GKA) e altri stakeholder di riferimento come istruttori, centri di ricerca, università e produttori, ha messo recentemente a punto la norma tecnica UNI EN ISO 21583 con l’obiettivo di diminuire drasticamente i rischi associati a questo sport.

Kite 3La norma internazionale, recepita anche in Italia, specifica i requisiti minimi di sicurezza e i metodi di prova per i dispositivi di rilascio e/o di sgancio rapido in grado di ridurre la forza di trazione dell’aquilone e di sganciare l’utilizzatore. Tali sistemi vengono manovrati intenzionalmente dal kite surfer che – trovandosi in situazione di pericolo – decida di sganciarsi velocemente dall’attrezzatura.

La norma fornisce tutte le indicazioni sui test di verifica e descrive nel dettaglio procedure di prova standardizzate sulle forze massime necessarie per attivare il sistema di rilascio (che la norma stabilisce tra i 20 N e i 170 N), oltre che i tempi massimi di apertura di questi sistemi. Il sistema di rilascio principale e/o lo sgancio rapido deve poter essere azionato con una sola mano e la sua attivazione non deve richiedere più di 2 secondi.

Il sistema di rilascio deve essere ben visibile e deve riportare alcune informazioni tra cui - ad esempio - il riferimento alla norma ISO, il peso massimo dell’utilizzatore, l’indicazione della direzione dell'operazione di innesco, il marchio di fabbrica…

Le prove descritte dalla norma devono essere effettuate in diverse condizioni ambientali come, ad esempio, condizioni asciutte e pulite, di sabbia asciutta, di acqua con sabbia e in condizioni fredde e umide.

Questa norma rappresenta uno strumento importante per l’industria del kite in quanto, non solo fornisce ai produttori una nuova tecnologia di test per garantire che le proprie attrezzature siano conformi ai requisiti di sicurezza che i praticanti di questo sport possono ragionevolmente aspettarsi, ma consente anche ai consumatori di poter riconoscere e quindi scegliere prodotti “a norma” in grado di offrire maggiori garanzie.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.