Articoli | 20 Giugno 2023

La normazione per i rifugiati

Un approfondimento su come la normazione interviene in materia di rifugiati, fornendo standard e norme per proteggere le fasce più deboli e fragili

Approfondimento

Mario Gallo

Funzionario Tecnico UNI

Quale collegamento può esserci tra la Giornata internazionale del rifugiato e il mondo della normazione tecnica? La risposta potrebbe sorprendervi.

Nonostante si tratti di mondi apparentemente distanti, in realtà il filo conduttore che si sta intessendo è infatti importante e diventa sempre più significativo.

Cosa significa essere rifugiato

Innanzitutto bisogna tenere presente che, secondo la definizione ufficiale della Convenzione di Ginevra del 1951, un rifugiato è una persona fuggita dal proprio paese perché avverte il timore fondato di essere perseguitata per la sua etnia, religione, cittadinanza, opinioni politiche o appartenenza a un determinato gruppo sociale che il paese d’origine non può o non vuole proteggere.

Lo stato di “rifugiato” è riconosciuto con procedure di asilo ufficiali, previste per determinarne l’appartenenza. Successivamente al suo riconoscimento, il paese ospitante concede la protezione internazionale in sostituzione della protezione del paese d’origine.

Una condizione senza dubbio difficile, per il cui trattamento occorrono capacità e competenze adeguate alle svariate specificità del fenomeno.

Il ruolo della normazione

In tal senso documenti agili e avanzati – quali sono le norme – assumono particolare rilievo anche in questo contesto, ossia quando riferiti ai diritti delle persone con background migratorio.

Basti pensare alla norma UNI 11591:2022Attività professionali non regolamentate – Figure professionali operanti nel campo della traduzione e dell’interpretazione – Requisiti di conoscenza, abilità, autonomia e responsabilità” che, definendo requisiti posti a garantire la qualità del lavoro di traduttori e interpreti, ha un’influenza diretta se applicata alle possibilità dei migranti di potersi vedere riconosciuto lo status di rifugiato grazie a servizi di traduzione accurata che permettano una più efficace trasmissione di informazioni – un ostacolo a volte insormontabile quando si parlano lingue diverse – e di conseguenza una valutazione maggiormente equa degli specifici casi.

Dal punto di vista della comunicazione, invece, anche la norma UNI 11483:2021Attività professionali non regolamentate – Comunicatore professionale – Requisiti di conoscenza, abilità e autonomia e responsabilità” risulta avere un ruolo potenzialmente molto importante sotto molti aspetti. Nel trattare la condizione specifica dello status di rifugiato, alcune tematiche richiedono infatti una certa competenza che i requisiti presenti nella norma garantiscono. Laddove si migliora la comunicazione, anche il fenomeno migratorio può essere gestito con maggiore efficacia.

In ultimo è doveroso segnalare il CEN Workshop Agreement (CWA) prossimo alla pubblicazione “Mediation Grammar – A testing methodology for measuring the empowerment of users of public services for migrants”. Il documento europeo si propone di fornire, come si evince dal titolo, una sorta di “grammatica della mediazione”, questo attraverso la predisposizione di una metodologia di test per misurare l’empowerment degli utenti che si ritrovano a dover utilizzare i servizi pubblici per i migranti.

Un sondaggio dedicato

La definizione di requisiti e KPI espressi all’interno di un sondaggio (survey), che si trova nell’appendice B del documento, lo rendono uno strumento importante e accurato. Il sondaggio è particolarmente utile anche per raggiungere l’obiettivo di misurare la capacità dei servizi pubblici e delle relative procedure di rendere autonomi gli immigrati dal punto di vista della loro integrazione nella società di accoglienza. In questo modo si potrà dare accesso a pratiche fondamentali come quella della richiesta d’asilo per chi ha diritto al riconoscimento dello status di rifugiato.

Il survey valuta principalmente tre aspetti:

l’accessibilità linguistica, che si riferisce alla facilità di comprensione del linguaggio utilizzato per descrivere i servizi e alla capacità delle persone responsabili di spiegare concetti difficili all’utente, evitando un gergo troppo tecnico.

l’adeguatezza delle informazioni, che si riferisce alla qualità e alla quantità di informazioni fornite dal fornitore di servizi per consentire di raggiungere gli obiettivi dell’utente in modo completo ed efficiente.

l’attuazione dei diritti, che si riferisce alla capacità del fornitore di servizi di consentire all’utente di accedere completamente ai propri diritti, in particolare quando i servizi e le procedure sono “annidati” l’uno nell’altro.

Image by FreePik

Considerati gli esempi di documenti normativi sopra citati che possono essere applicati più o meno direttamente alle persone con background migratorio, è possibile concludere che il mondo della normazione – come corpo vivo della società – si sta evolvendo sempre più insieme ai cambiamenti sociali in atto.

Un’evoluzione scaturita da un sistema mondo in continuo movimento, che si adatta con spirito di servizio alle nuove esigenze sociali andando via via declinandosi all’interno della quotidianità. In questo particolare caso, le norme aiutano e facilitano l’assistenza e l’integrazione alle persone che fuggono da insostenibili violazioni dei diritti umani, confermando quel ruolo nobile che la normazione riveste all’interno della società.

 

Tag articolo:

Notizie correlate

Nuove tecnologie e trasformazione digitale

Responsabilità sociale e inclusione

Sostenibilità, ambiente ed economia circolare

Notizie

Relazione Annuale 2023 CEN-CENELEC

Un documento che testimonia la vitalità del sistema europeo di normazione e consente di guardare al futuro con ottimismo.

4 Luglio 2024

Responsabilità sociale e inclusione

Notizie

L’inclusione? Passa anche attraverso il linguaggio

Sono ora disponibili le Linee Guida UNI sulla comunicazione inclusiva. Un documento a supporto della parità di genere nel linguaggio di tutti i giorni! Scopri i dettagli …

1 Luglio 2024

Qualità e valutazione di conformità

Responsabilità sociale e inclusione

Servizi e professioni

Notizie

Whistleblowing Management System

Scopri il corso UNITRAIN - da remoto - del 3 luglio inerente la norma UNI ISO 37002 che incoraggia una cultura dell'apertura, della trasparenza, dell'integrità e della responsabilità. Vediamo tutti i dettagli della proposta!

24 Giugno 2024

Meccanica e macchinari

Qualità e valutazione di conformità

Responsabilità sociale e inclusione

Sostenibilità, ambiente ed economia circolare

Notizie

I corsi top UNITRAIN del mese di luglio 2024

Non fermare il grande viaggio della formazione UNITRAIN, scopri le ultime novità che fanno per te.

17 Giugno 2024

Beni di consumo e materiali

Energia e impianti

Nuove tecnologie e trasformazione digitale

Qualità e valutazione di conformità

Responsabilità sociale e inclusione

Salute e benessere

Sicurezza

Notizie

Tredici progetti entrano oggi in inchiesta pubblica preliminare – giugno 2024

Sono 13 i progetti di norma sottoposti in questi giorni (dal 15 al 29 giugno) all’inchiesta pubblica preliminare. Gli argomenti trattati riguardano: metalli preziosi, conservazione dei documenti, progetti di traduzione, data base lessicali, salute, prevenzione della corruzione, gestione per la compliance, tecnologie informatiche, gas e sistemi di gestione.

15 Giugno 2024

Responsabilità sociale e inclusione

Notizie

Una norma internazionale per promuovere la parità di genere

È la ISO 53800: un utile strumento a supporto della UNI/PdR 125.

17 Maggio 2024

Responsabilità sociale e inclusione

Servizi e professioni

Sostenibilità, ambiente ed economia circolare

Notizie

L’evoluzione del turismo

Pubblicato il numero di maggio della rivista STANDARD.

16 Maggio 2024

Responsabilità sociale e inclusione

Notizie

Adesione alla Carta per le Pari Opportunità e l’Uguaglianza sul Lavoro promossa da Fondazione Sodalitas

Sostenere una cultura aziendale inclusiva, libera da discriminazioni e pregiudizi: questo il nostro impegno concreto, che rilanciamo anche in occasione dell’European Diversity Month.

9 Maggio 2024