Articoli | 13 Settembre 2022

Per il rispetto delle persone e il miglior funzionamento del mercato

I valori caratteristici della normazione consensuale fanno sì che i suoi output siano espressione di un diritto mite, partecipato e sensibile ai bisogni della società e del mercato, la cui applicazione quando si integra con la regolamentazione cogente la semplifica e ne aumenta l’efficacia ed efficienza.

Approfondimento

Elena Mocchio

Responsabile Unità Organizzativa Innovazione e Sviluppo UNI

Al di là della terminologia (“norma” può infatti essere sia un dispositivo cogente sia il risultato di un comune accordo), tra normazione e legislazione esiste un legame stretto: quando gli standard (o – più in generale – i prodotti della normazione come definiti dal Regolamento UE 1025/2012) vengono richiamati nei provvedimenti legislativi si attiva una sinergia che li rende lo strumento tecnico migliore per la conformità alle leggi e il raggiungimento dei loro obiettivi, e che può arrivare fino a rendere obbligatori determinati requisiti, altrimenti di applicazione volontaria.

Nelle scorse settimane è accaduto – dopo un lungo percorso di collaborazione con il Dipartimento per le Pari Opportunità – per un tema di estrema rilevanza sociale, destinato ad avere anche un notevole impatto economico: il Decreto della Presidenza del Consiglio de Ministri “Parametri per il conseguimento della certificazione della parità di genere alle imprese e coinvolgimento delle rappresentanze sindacali aziendali
e delle consigliere e consiglieri territoriali e regionali di parità” ha stabilito che i requisiti minimi per la certificazione della parità di genere nelle imprese sono quelli definiti dalla UNI/PdR 125, “Linee guida sul sistema di gestione per la parità di genere che prevede l’adozione di specifici KPI (Key Performance Indicator)”.

In questo modo si è creato un “combinato disposto” tra la Strategia Nazionale per la Parità di Genere 2021- 2026, la Missione 5 Componente 1 Investimento 1.3 del PNRR, il decreto legislativo 198/2006 “Codice
delle pari opportunità tra uomo e donna”, la legge 162/2021 “Disposizioni in materia di pari opportunità tra uomo e donna in ambito lavorativo” e il Codice degli appalti, imperniato solo ed esclusivamente sulla
certificazione di conformità – rigorosamente accreditata! – alla prassi di riferimento UNI/PdR 125.

Oltre alla promozione di un auspicato cambiamento culturale e al beneficio sociale e reputazionale, l’uso certificato della UNI/PdR 125 comporta benefici economici come i contributi previdenziali ridotti del 1% e il punteggio maggiorato per l’aggiudicazione di appalti pubblici: gestire correttamente le persone dà un bel vantaggio!

Inoltre, l’impegno dell’Infrastruttura per la Qualità (in particolare delle componenti accreditamento e valutazione della conformità) per il miglior funzionamento del mercato e per il rispetto delle persone, ha fatto sì che la pratica abbia immediatamente seguito la teoria: al momento in cui scrivo sono infatti già stati accreditati 3 organismi di certificazione e le prime certificazioni sono già state emesse.

A volte sembra che “un mondo fatto bene” non sia poi un obiettivo difficile da raggiungere…

Per saperne di più sulle pari opportunità tra uomo e donna:
Decreto 29 aprile 2022
Strategia Nazionale per la Parità dei Genere
Prassi di riferimento UNI/PdR 125
UNI ISO 30415 Gestione delle risorse umane – Diversità e inclusione

Tag articolo:

Notizie correlate

Qualità e valutazione di conformità

Servizi e professioni

Notizie

Per un Mercato Unico più forte

CEN e CENELEC accolgono con soddisfazione la relazione di Enrico Letta, Presidente dell'Istituto Jacques Delors, dal titolo significativo "Much more than a market".

6 Giugno 2024

Beni di consumo e materiali

Qualità e valutazione di conformità

Salute e benessere

Sostenibilità, ambiente ed economia circolare

Notizie

Settore tessile e microplastiche

Scopri il corso UNITRAIN - da remoto suddiviso in quattro giornate - del 18, 19, 26 e 27 giugno che tratta la norma UNI ISO 4484 parte 2 e l’approccio normato e sistematico alla valutazione delle microplastiche nel settore tessile. Vediamo tutti i dettagli della proposta!

4 Giugno 2024

Beni di consumo e materiali

Qualità e valutazione di conformità

Sicurezza

Notizie

Manutenzione nella gestione dei beni fisici

Pubblicata la norma UNI EN 17485. Il documento tratta il quadro per migliorare il valore di beni fisici durante il loro intero ciclo di vita. Vediamo tutti i dettagli…

30 Maggio 2024

Meccanica e macchinari

Nuove tecnologie e trasformazione digitale

Qualità e valutazione di conformità

Sicurezza

Sostenibilità, ambiente ed economia circolare

Notizie

I corsi top UNITRAIN del mese di giugno 2024

Non fermare il grande viaggio della formazione UNITRAIN, scopri le ultime novità che fanno per te.

21 Maggio 2024

Responsabilità sociale e inclusione

Notizie

Una norma internazionale per promuovere la parità di genere

È la ISO 53800: un utile strumento a supporto della UNI/PdR 125.

17 Maggio 2024

Responsabilità sociale e inclusione

Servizi e professioni

Sostenibilità, ambiente ed economia circolare

Notizie

L’evoluzione del turismo

Pubblicato il numero di maggio della rivista STANDARD.

16 Maggio 2024

Nuove tecnologie e trasformazione digitale

Qualità e valutazione di conformità

Servizi e professioni

Notizie

Gestione dell’innovazione: un nuovo standard europeo per le innovation professional

La norma italiana UNI 11814 che descrive le figure professionali operanti nell'ambito della gestione dell'innovazione sarà la base per una norma europea. Scopriamo insieme il suo futuro.

16 Maggio 2024

Meccanica e macchinari

Qualità e valutazione di conformità

Sicurezza

Notizie

Gestione del rischio nel contesto della sicurezza industriale

Scopri il corso UNITRAIN – da remoto - dal 4 al 7 giugno che tratta la norma UNI CEI EN IEC 31010 e le tecniche di individuazione, analisi e ponderazione del rischio. Vediamo tutti i dettagli della proposta!

13 Maggio 2024