Notizie | 6 Giugno 2024

Per un Mercato Unico più forte

CEN e CENELEC accolgono con soddisfazione la relazione di Enrico Letta, Presidente dell’Istituto Jacques Delors, dal titolo significativo “Much more than a market”.

Il Mercato Unico Europeo nel 2023 ha celebrato i suoi primi 30 anni.
Come è noto il sistema di normazione ne è una pietra angolare, assicurando la libera circolazione di beni e servizi e garantendo i cittadini in merito alla qualità e alla sicurezza, indipendentemente dal paese dell’UE da cui provengono o in cui si trovano.

Ora la recente pubblicazione del rapporto di Enrico Letta, attuale Presidente dell’Istituto Jacques Delors ed ex Primo Ministro italiano, sul futuro del mercato unico offre un’importante opportunità di riflessione.
Il documento ha un titolo esplicativo – “Much more than a market” – e un ancor più esplicativo sottotitolo (“Speed, Security, Solidarity. Empowering the Single Market to deliver a sustainable future and prosperity for all EU Citizens“), ossia rafforzare il Mercato Unico per offrire un futuro sostenibile e prosperità a tutti i cittadini dell’Unione europea.

CEN e CENELEC condividono l’ambizione di un mercato unico più forte e sono lieti di vedere riconosciuto il ruolo della normazione come mezzo per realizzare questo obiettivo.
Nel report Enrico Letta individua nelle norme tecniche uno degli strumenti di maggior efficacia per facilitare l’armonizzazione dell’UE ed afferma: “È essenziale continuare a investire nel miglioramento e nella promozione degli standard europei, rafforzando il ruolo del mercato unico come solida piattaforma che sostiene l’innovazione, tutela gli interessi dei consumatori e promuove lo sviluppo sostenibile“.

Il richiamo ai processi di innovazione, allo sviluppo sostenibile, ma anche ad altri temi di rilevanza cruciale come l’economia circolare a proposito dei quali la normazione può fornire, e in gran parte già fornisce, un significativo contributo è un importante riconoscimento degli sforzi finora condotti da CEN e CENELEC per supportare concretamente le politiche e le strategie UE.

In questo contesto è interessante il richiamo che Enrico Letta fa a quella che lui definisce la “quinta libertà” che il Mercato Unico del futuro deve essere sempre più in grado di promuovere, oltre alle quattro “tradizionali”, cioè libertà di movimento di persone, merci, servizi e capitali che si basano fondamentalmente “sui principi teorici del XX secolo“. A queste, il nuovo Mercato Unico deve aggiungere il potenziamento della ricerca, dell’innovazione e dell’istruzione, in grado di dare una nuova dimensione al mercato comune. Questa nuova “quinta libertà” proposta da Letta è in piena sintonia con l’impegno del CEN e del CENELEC di rafforzare il rapporto tra standardizzazione, ricercatori e innovatori.

I vantaggi derivanti dall’integrazione delle norme nelle attività di ricerca e innovazione sono duplici. In primo luogo, l’inclusione dei risultati della ricerca nelle attività di standardizzazione garantisce l’individuazione delle tecnologie emergenti più efficaci. In secondo luogo, la promozione di idee basate sulla ricerca e sull’innovazione all’interno di nuovi standard può facilitarne la diffusione sul mercato, favorendo la circolazione di prodotti innovativi, aumentandone al tempo stesso la rilevanza.
In questo senso CEN e CENELEC auspicano che questa “quinta libertà” si consolidi e che il ruolo delle norme europee nel colmare il divario tra mondo della ricerca e innovazione venga sempre più riconosciuto.

Un Mercato Unico europeo sostenuto da un sistema di normazione efficace, basato sui principi del consenso e dell’inclusività, deve dunque essere un obiettivo cruciale dell’Unione europea.
Il 22 febbraio scorso Andreea Gulacsi, direttrice delle politiche e degli affari esterni del CEN e del CENELEC, aveva avuto modo di discutere di come utilizzare gli standard per il futuro del mercato unico in uno scambio di opinioni al Parlamento europeo proprio con Enrico Letta.
Ora il rapporto “Much more than a market” ne fissa le prime, fondamentali coordinate.

Tag articolo:

Notizie correlate

Servizi e professioni

Notizie

I requisiti professionali dell’IP Manager

In consultazione il progetto di prassi di riferimento sulla figura del responsabile della gestione della Proprietà Intellettuale.

11 Luglio 2024

Servizi e professioni

Sicurezza

Notizie

Travel Risk Management

Scopri il corso UNITRAIN - da remoto - del 17 e 19 settembre che tratta la norma UNI ISO 31030 Guidance for Organizations. Vediamo tutti i dettagli della proposta!

10 Luglio 2024

Servizi e professioni

Notizie

Nasce la Commissione tecnica “Finanza”

Appuntamento il 3 ottobre per la prima riunione plenaria.

10 Luglio 2024

Qualità e valutazione di conformità

Notizie

Internazionalizzazione delle MPMI: ecco la UNI/PdR 163

Un nuovo documento realizzato in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento.

4 Luglio 2024

Edilizia e costruzioni

Energia e impianti

Qualità e valutazione di conformità

Sostenibilità, ambiente ed economia circolare

Notizie

Sette progetti entrano oggi in inchiesta pubblica preliminare – luglio 2024

Sono 7 i progetti di norma sottoposti in questi giorni (dal 4 al 18 luglio) all’inchiesta pubblica preliminare. Gli argomenti trattati riguardano: infrastrutture del gas, sistemi di gestione dell’efficienza idrica e della sicurezza del traffico stradale, sicurezza e resilienza.

4 Luglio 2024

Servizi e professioni

Notizie

Organizzazione degli studi legali

UNI partecipa a un evento organizzato da Cassa Forense il prossimo 8 luglio. Vediamo tutti i dettagli.

2 Luglio 2024

Qualità e valutazione di conformità

Salute e benessere

Notizie

Laboratori medici: novità in vista!

Pubblicata in italiano e inglese la norma UNI EN ISO 15189. Il documento rappresenta un solido riferimento riconosciuto in tutto il modo per la gestione completa delle attività dei laboratori medici. Vediamo tutti i dettagli…

28 Giugno 2024

Qualità e valutazione di conformità

Notizie

Verso la nuova ISO 9001: arriviamo preparati!

Presentiamo OBIETTIVO 9001, una piattaforma web dedicata alla revisione della più celebre norma sui sistemi di gestione per la qualità.

27 Giugno 2024