Storie | 9 Giugno 2022

Ornella Cilona – Le norme e la mia storia

Intervista

Ornella Cilona

Responsabile CGIL per le Politiche per la Responsabilità Sociale d’Impresa e l’etica economica

Il mio incontro con le norme è stato inaspettato. Le avevo sempre considerate una materia un po’ astrusa – per ingegneri o informatici – non certo per sindacalisti. Quando, però, si sono rivolte alla società e all’ambiente la mia prospettiva è cambiata. Allora anche le norme possono contribuire a migliorare la qualità della vita e del lavoro, mi sono detta.

Una sala affollata, con 300 esperti: caffetani, cravatte, sari e copricapo fioriti facevano fare il giro del mondo in poche centinaia di metri quadri. All’inglese fluido dei relatori anglosassoni, dal portamento impassibile, seguivano le frasi a tratti zoppicanti, con voce spesso emozionata, di chi non era nato nel Paese di Shakespeare. Un caleidoscopio di colori e di accenti si dipanava davanti ai miei occhi e alle mie orecchie mentre cercavo di apprendere le regole e l’etichetta di un importante incontro internazionale. È questo il mio vivido ricordo della prima riunione ISO cui ho partecipato a Bahia nel febbraio 2005.

Qualche mese prima mi era stato chiesto di rappresentare la CGIL nel “neonato” Gruppo di lavoro UNI sulla responsabilità sociale delle organizzazioni, una materia innovativa della quale avevo appena iniziato a occuparmi nella Confederazione in qualità di coordinatrice nazionale. Non mi ero mai imbattuta nel mondo delle norme né sapevo molto sull’attività dell’UNI ma già da alcuni anni la mia organizzazione era socia dell’Ente, partecipando attivamente alla Commissione tecnica “Sicurezza”.

Le norme erano allora davvero una “terra incognita” per me. Dopo un percorso di studi di carattere storico economico
e alcune esperienze professionali presso rilevanti istituti di ricerca, avevo deciso di lavorare nella CGIL, ricoprendo incarichi legati alle politiche di coesione e a quelle industriali, prima di assumere la delega alla responsabilità sociale. Poco dopo la costituzione del gruppo di lavoro UNI, anche l’ISO decise di investire sul tema della sostenibilità, avviando un proprio comitato tecnico, con l’intento di pubblicare una norma internazionale al riguardo.

Gli esperti italiani per le riunioni ISO furono scelti fin dall’inizio fra i rappresentanti delle principali parti interessate che facevano parte del gruppo di lavoro, fra cui associazioni imprenditoriali, sindacati e pubblica amministrazione, anche in questo caso precorrendo i tempi. Non era, infatti, comune in quegli anni che un ente di normazione scegliesse i delegati a una riunione internazionale tenendo conto della varietà dei propri stakeholder, così come non era scontato che credesse a un nuovo ruolo delle norme a favore dello sviluppo sostenibile. Entrai così a far parte della delegazione italiana, senza immaginare che la riunione ISO di Bahia avrebbe influenzato in modo indelebile il mio percorso professionale.

Quell’incontro gettò, infatti, le basi per la redazione di UNI EN ISO 26000 “Guida alla responsabilità sociale”, pubblicata nel 2010, una norma che mi ha profondamente formato e cambiato.

Entrai così a far parte della delegazione italiana, senza immaginare che la riunione ISO di Bahia avrebbe influenzato in
modo indelebile il mio percorso professionale. Quell’incontro gettò, infatti, le basi per la redazione di UNI EN ISO 26000 “Guida alla responsabilità sociale”.

Da allora il mio viaggio attraverso le norme non si è mai fermato e oggi ho l’onore (e l’onere…) di presiedere la Commissione tecnica UNI “Responsabilità sociale delle organizzazioni”, che da piccolo gruppo di appassionati della sostenibilità si è trasformato in un riconosciuto punto di riferimento nelle social norms.

La curiosità e il desiderio che ho sempre avuto di approfondire i temi di frontiera sono stati i principali ingredienti delle mie attività anche in questo campo.
Come rappresentante del sindacato ho puntato in questi anni a portare il punto di vista dei lavoratori nei contenuti delle norme in sede nazionale e internazionale e, dopo aver partecipato ai lavori della UNI EN ISO 26000, sono stata coinvolta nella redazione
di altre due importanti norme internazionali: UNI ISO 20400 sugli acquisti sostenibili, completata nel 2017, e UNI ISO 30415 sulla diversità e inclusione, pubblicata lo scorso anno.

A livello nazionale, la Commissione tecnica sulla responsabilità sociale è attualmente impegnata sia nella preparazione di una norma italiana sull’applicazione
di UNI EN ISO 26000 sia nei lavori del project committee ISO/PC 337, cui spetta la preparazione della norma ISO 53800 Guidelines for the promotion and the implementation of gender equality. La recente nomina nel Comitato di indirizzo strategico UNI come rappresentante delle 3 organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL è un’altra tappa importante del mio tragitto attraverso le norme. Accanto a me spero di trovare come compagne di viaggio nei prossimi
anni tante altre donne presidenti di una commissione tecnica UNI. Le norme hanno bisogno dell’altra metà del cielo.

Tag articolo:

Notizie correlate

Qualità e valutazione di conformità

Servizi e professioni

Notizie

Linee guida per scrivere “chiaro”

Pubblicata la norma UNI ISO 24495 parte 1. Il documento tratta i principi e le linee guida per un linguaggio chiaro. Vediamo tutti i dettagli…

23 Aprile 2024

Servizi e professioni

Notizie

Preparatore di unità cinofile e toelettatore

Finalmente a catalogo le due prassi di riferimento che fissano i requisiti delle professioni.

19 Aprile 2024

Agroalimentare

Energia e impianti

Meccanica e macchinari

Nuove tecnologie e trasformazione digitale

Qualità e valutazione di conformità

Responsabilità sociale e inclusione

Servizi e professioni

Sicurezza

Sostenibilità, ambiente ed economia circolare

Notizie

I corsi top UNITRAIN del mese di maggio 2024

Non fermare il grande viaggio della formazione UNITRAIN, scopri le ultime novità che fanno per te.

19 Aprile 2024

Beni di consumo e materiali

Qualità e valutazione di conformità

Responsabilità sociale e inclusione

Servizi e professioni

Notizie

Made in Italy: un emblema di qualità con un grande futuro

Da oggi, fino a venerdì, si tengono numerose iniziative per celebrare le eccellenze del nostro Paese nella produzione di beni e servizi. Dalla legge 206/2023 al ruolo della normazione, sosteniamo un brand riconosciuto a livello globale.

15 Aprile 2024

Agroalimentare

Beni di consumo e materiali

Meccanica e macchinari

Servizi e professioni

Notizie

Otto progetti sottoposti in queste settimane a inchiesta pubblica finale – giugno 2024

Semi e frutti oleaginosi, sistemi di gestione per la compliance, legno di recupero, raccordi di rame, saldatura a elettrofusione e lana di ovino. Attendiamo i vostri commenti entro il 7 giugno.

11 Aprile 2024

Qualità e valutazione di conformità

Servizi e professioni

Sostenibilità, ambiente ed economia circolare

Notizie

Un’alleanza per qualificare i servizi al cittadino, la qualità, sicurezza e sostenibilità dei prodotti

Siglato un protocollo d'intesa triennale con il CNCU (Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti).

4 Aprile 2024

Beni di consumo e materiali

Edilizia e costruzioni

Energia e impianti

Nuove tecnologie e trasformazione digitale

Qualità e valutazione di conformità

Servizi e professioni

Sicurezza

Sostenibilità, ambiente ed economia circolare

Notizie

Tredici progetti entrano oggi in inchiesta pubblica preliminare – aprile 2024

Sono 13 i progetti di norma sottoposti in questi giorni (dal 30 marzo al 13 aprile) all’inchiesta pubblica preliminare. Gli argomenti trattati riguardano: sistemi a difesa passiva a base di resina bicomponente, metrologia, gestione e modellazione informativa, figure professionali in ambito HSE, apparecchi di sollevamento e relativi accessori, documentazione e informazione, modalità di governance e sistema di gestione dell'IA.

30 Marzo 2024

Qualità e valutazione di conformità

Servizi e professioni

Notizie

Assetto organizzativo, amministrativo e contabile delle PMI

Il progetto di prassi di riferimento in consultazione pubblica fino al 28 aprile.

27 Marzo 2024