Notizie | 9 Novembre 2023

La “nuova accessibilità” per il turismo e lo sport

Pubblicata la nuova edizione della prassi di riferimento UNI/PdR 131, in conformità con i principi e le tecniche del design for all.

Inclusione e accessibilità sono obiettivi di civiltà per la libertà e l’autonomia delle persone diversamente abili, il cui raggiungimento richiede il contributo di tutti.

La prassi di riferimento UNI/PdR 131 “Accessibilità dei servizi offerti da strutture ricettive, stabilimenti termali e balneari, e impianti sportivi – Requisiti e check-list” definisce i requisiti per la progettazione di servizi accessibili e fornisce i parametri di riferimento, con l’obiettivo di favorire un circolo virtuoso che faciliti lo svilupparsi di una catena ininterrotta di accessibilità per il cliente.

La nuova edizione della prassi nasce su richiesta del Ministro del Turismo e del Ministro per le Disabilità per integrare e dettagliare ulteriormente i requisiti di accessibilità in conformità con i principi e le tecniche del design for all, con la collaborazione delle associazioni che rappresentano le persone con disabilità, FISH e FAND.

“L’aggiornamento della prassi di riferimento che abbiamo voluto insieme con il Ministero del Turismo – spiega il Ministro per le Disabilità Alessandra Locatelliva nella direzione di garantire servizi e strutture non solo più accessibili ma di assicurare la piena fruibilità degli spazi e una dimensione sociale dell’accoglienza. É fondamentale garantire alle persone con disabilità la possibilità di partecipare alla vita culturale e ricreativa secondo quanto previsto dall’articolo 30 della Convenzione ONU. C’è ancora molta strada da fare, ma insieme possiamo e dobbiamo invertire l’ordine delle priorità e immaginare che nel momento in cui decidiamo di progettare strutture, eventi, servizi, lo dobbiamo fare per tutti. Questo è il salto di qualità e di civiltà che ci permetterebbe di rendere più forti le nostre comunità e tutto il Paese. Il cambiamento è iniziato e noi proseguiremo in questa direzione lavorando con il mondo privato e coinvolgendo direttamente il mondo delle associazioni che rappresentano le persone con disabilità e le loro famiglie”.

“La definizione di queste nuove prassi testimonia la forte attenzione del Governo, del Ministero del Turismo e del Ministro per le Disabilità al tema dell’inclusione. In particolare, l’impegno del mio dicastero sul tema dell’accessibilità nel turismo è assolutamente vivo, tanto che in ciascun provvedimento Mitur in cui c’erano delle risorse a disposizione, abbiamo inserito il turismo accessibile -afferma il Ministro del Turismo Daniela Santanchè. Garantire servizi e strutture sempre più accessibili e inclusive è tra le nostre priorità e riteniamo che si debba lavorare sodo perché il concetto di inclusività sia parte stessa del concetto di turismo. Il turismo è di tutti, e l’imperativo è abbattere qualsiasi ostacolo e barriera, e, al fine di sostenere le imprese in questo percorso di certificazione, metteremo a disposizione le risorse necessarie per rendere l’Italia un luogo sempre più attento a ogni esigenza”.

Particolare attenzione viene data – anche attraverso tre appendici esplicative – al tema della valutazione di conformità e dei relativi audit:

  • A, raccomandazioni per la certificazione sotto accreditamento di accessibilità
  • B, checklist per lo svolgimento degli audit (all’interno della quale alcuni requisiti sono essenziali per il rilascio della certificazione)
  • C, esempio di rapporto di verifica.

In questo campo molti passi avanti sono stati fatti negli ultimi decenni – non solo da un punto di vista formale – a partire dal Decreto del Ministro dei lavori pubblici 236/1989 “Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l’accessibilità, l’adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale”, seguito dalla creazione del Fondo accessibilità turistica istituito con la Legge di Bilancio 234/2021 (dotazione di 6 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024).

L’attenzione ora è indirizzata all’accessibilità dei servizi – pubblici e privati – come:

  • strutture ricettive
  • ristorazione
  • impianti sportivi.
  • spazi turistici urbani e rurali
  • attività ricreative
  • MICE (Meetings, Incentives, Conventions and Exhibitions)
  • Trasporti

Per gli stabilimenti balneari la UNI/PdR 131 include i requisiti già individuati a suo tempo dalla UNI/PdR 92 “Linee guida per la sostenibilità ambientale, l’accessibilità, la qualità e la sicurezza dei servizi”, mentre per i servizi turistici il riferimento è alla UNI ISO 21902 “Turismo accessibile per tutti – Requisiti e raccomandazioni”.

Il documento ora contribuisce a mettere i fornitori di questi servizi nella condizione di realizzare un’offerta – certificabile da organismi accreditati! – inclusiva e accessibile a tutti: un segno di civiltà che può essere un potente strumento di differenziazione e quindi di competitività.

“La sostenibilità si articola nelle “3 P” – persone, pianeta, prosperità – delle quali la prima è al centro di una particolare attenzione della normazione: per garantire la sicurezza, la salute, il benessere e l’inclusione, ma sempre di più anche l’accessibilità. Obiettivi che cerca di raggiungere sia con la propria attività “esterna” – le norme che definiscono le caratteristiche di prodotti, servizi, processi e organizzazioni – ma anche con l’organizzazione interna” afferma il Presidente UNI Giuseppe Rossi. “UNI, infatti, si è dato un modello di governance sostenibile basato sulla responsabilità sociale secondo la norma UNI EN ISO 26000 per il quale le persone sono il riferimento fondamentale delle sue attività”.

Un Paese moderno ed evoluto garantisce inclusività e parità di accesso alle persone disabili, che oggi in Italia superano il 5% della popolazione. Per questo, il PNRR, in ognuna delle 6 missioni, prevede interventi mirati in questa direzione. Come in altri settori, per raggiungere questo obiettivo, la certificazione accreditata, grazie ai controlli degli Organismi, insieme alla normazione tecnica, possono rappresentare lo strumento idoneo per attestare che le strutture alberghiere, turistiche e sportive, rispettino i requisiti di accessibilità e permettere loro di godere anche delle agevolazioni fiscali. Si tratta di un passo in avanti concreto, verso una società attenta ai più fragili e al loro diritto all’autosufficienza”, ha dichiarato Massimo De Felice, Presidente di Accredia.

Tag articolo:

Notizie correlate

Salute e benessere

Servizi e professioni

Notizie

La rivoluzione pet friendly sul posto di lavoro

UNI, membro della Pets at Work Alliance, condivide il principio che “insieme è meglio, anche in ufficio” e racconta il proprio progetto “Dogs at work”

13 Giugno 2024

Servizi e professioni

Notizie

Cani d’assistenza e professioni: il ruolo della normazione

Il resoconto del convegno organizzato da UNI con i principali rappresentanti del settore delle professioni cinofile

11 Giugno 2024

Nuove tecnologie e trasformazione digitale

Servizi e professioni

Notizie

Plain language e accessibilità del testo digitale

Scopri il corso UNITRAIN - da remoto suddiviso in due giornate - del 25 giugno e 2 luglio che tratta la norma UNI ISO 24495 parte 1 per migliorare l’accessibilità dei contenuti on line. Vediamo tutti i dettagli della proposta!

11 Giugno 2024

Qualità e valutazione di conformità

Servizi e professioni

Notizie

Per un Mercato Unico più forte

CEN e CENELEC accolgono con soddisfazione la relazione di Enrico Letta, Presidente dell'Istituto Jacques Delors, dal titolo significativo "Much more than a market".

6 Giugno 2024

Servizi e professioni

Notizie

Pubblicità accessibile e inclusiva

In consultazione pubblica la Prassi di Riferimento sviluppata con UPA (Utenti Pubblicità Associati).

5 Giugno 2024

Salute e benessere

Servizi e professioni

Notizie

Profili professionali esperti del settore medico sanitario

Oltre la UNI/PdR 64... Il vostro parere conta! Prorogato al 30 giugno il termine ultimo per partecipare al sondaggio...

4 Giugno 2024

Servizi e professioni

Notizie

Progetto Europeo Treasure: la fine di un lungo percorso

Dopo tre anni intensi, il progetto TREASURE è giunto alla sua conclusione. È il momento di fare il punto sui risultati raggiunti in termini di standardizzazione.

3 Giugno 2024

Beni di consumo e materiali

Servizi e professioni

Storie

Paola Blasi – Il lungo e complesso cammino normativo della pietra naturale

Ripercorriamo la storia della normazione in ambito delle pietre naturali con Paola Blasi, Presidente CEN/TC 246 Natural stones

24 Maggio 2024